13 maggio 2013

No Muos: dopo le cariche inviate una raffica di sanzioni amministrative

Ogni sorta di strumento repressivo viene puntato contro i No Muos.

Dopo le deliranti asserzioni ed insinuazioni messe in atto dalla stampa di regime nei giorni scorsi, con le quali si attribuiva la legittima e pacifica resistenza dei blocchi No Muos dell’otto maggio a non meglio precisate "frange anarchiche", oggi, 10/5/2013, a Niscemi arriva puntuale l’azione repressiva statale. A numerosi militanti è stata infatti notificata una "contravvenzione" penale che va dai duemila ai diecimila euro per "blocchi". L’eroica resistenza dei comitati, degli attivisti, delle mamme, del popolo Niscemese si sta confrontando giorno per giorno e serratamente con una spietata repressione fatta di denunce per resistenza, arresti domiciliari, azioni al tar, azione poliziesca ( sempre più militanti riportano traumi, contusioni, lussazioni dopo i blocchi per vari giorni di prognosi) e falsa propaganda governativa ed americana.

Noi Rebeldi e Rebeldesse mandiamo la nostra solidarietà attiva a chi lotta, sicuri che il popolo No Muos non si lascerà intimidire e piegare.

ORA E SEMPRE NO MUOS!

AMERICA, STUITI U MUOS!

Officina Rebelde

Nessun commento:

Notizie Correlate