27 maggio 2013

15 ottobre, smontiamo la montatura, appello per una mobilitazione unitaria

L'appello di Mauro Gentile detenuto politico per i fatti del 15 ottobre 2011: «Colpevoli per esserci difesi dalla violenza della polizia»

4 aprile è iniziato il processo per gli scontri del 15 ottobre, su richiesta del carrierista pm Minisci in 18 siamo stati rinviati a giudizio con le accuse di devastazione e saccheggio, resistenza aggravata, danneggiamento, sospensione del servizio pubblico. Tra questi in 3 siamo rinviati a giudizio con l’assurda accusa di tentato omicidio (tra cui io).

Il 7 gennaio sono stato condannato in primo grado, a 6 anni per devastazione e saccheggio insieme a Mirko, Marco,Cristian, Davide. Da 13 mesi siamo agli arresti domiciliari tranne il compagno Davide Rosci che si trova rinchiuso nel carcere di Viterbo da circa 4 mesi accusato ingiustamente di evasione.

Il 27 giugno è la prossima tappa della montatura giudiziaria che le autorità dello Stato hanno imbastito contro alcuni militanti e attivisti colpevoli di reato per aver partecipato alla manifestazione del 15 ottobre 2011. Saremmo colpevoli di reato per esserci difesi dall’azione repressiva dello Stato che quel giorno in piazza San Giovanni con le camionette lanciate a tutta velocità contro la folla, i manganelli e i lacrimogeni violò e sospese i diritti costituzionali di centinaia di migliaia di persone scese in piazza a manifestare la propria collera e indignazione contro la crisi del capitalismo e i suoi responsabili.

Il 15 ottobre è stata la giornata simbolo che ha mostrato le debolezze dei padroni e la forza del proletariato. Istituire un processo politico rispolverando il codice fascista Rocco è la massima espressione eversiva del sistema giudiziario che, sempre più, è colluso con la politica corrotta di padri e padrini e sempre meno garante della

Costituzione , sancita dalla lotta partigiana.

MOBILITIAMOCI UNITARIAMENTE PER IL GIORNO 27 GIUGNO FUORI DAL TRIBUNALE DI ROMA A PIAZZALE CLODIO ORE 9:00

-per esprimere la massima solidarietà ed esigere la liberazione e la fine dei procedimenti verso tutti i compagni e le compagne colpiti/e dall'ondata repressiva successiva alla manifestazione del 15 ottobre;

-per gridare forte che i veri terroristi e criminali sono al governo e nei palazzi del potere del nostro paese

-per lanciare un duro e fermo attacco al codice fascista Rocco e chi ne rispolvera la codardia


Nessuno rimanga solo, nessuno rimanga indietro!

La solidarietà è un arma, usiamola!

 
MAURO GENTILE detenuto politico agli arresti domiciliari per aver preso parte alla manifestazione del 15 ottobre 2011



Nessun commento:

Notizie Correlate