25 febbraio 2013

Omicidio Uva, ecco il docufilm che ricostruisce l'inchiesta

Adriano Chiarelli, l'autore, ha deciso di metterlo in rete a disposizione di tutti. Per abbattere il muro di gomma

«Abbiamo deciso di distribuirlo gratuitamente - annuncia l'autore, Adriano Chiarelli, su un social network - perché la verità sia accessibile a tutti. Auspichiamo la massima diffusione e condivisione. Scaricatelo. Masterizzatelo. Segnalatelo ad amici e parenti».

Si tratta di "Nei secoli fedeli", il film dedicato al caso di Giuseppe Uva. Questo docu-film nasce come "costola" del saggio-inchiesta "Malapolizia" (Newton Compton, novembre 2011), in cui l'autore Adriano Chiarelli racconta e delinea gli abusi di polizia avvenuti in Italia nell'ultimo decennio.

"Nei secoli fedele -- Il caso di Giuseppe Uva", si racconta la morte violenta di Giuseppe Uva, un quarantaduenne di Varese morto in seguito a un movimentato arresto. Dopo aver trascorso tre ore in una caserma dell'Arma, in balia di otto tra poliziotti e carabinieri, Giuseppe Uva viene trasportato in ospedale in condizioni critiche.

Nel volgere di una notte l'uomo troverà la morte, le cui cause tuttavia restano tutte da chiarire. L'unico processo celebrato finora, ha riguardato l'ipotesi di morte per colpe mediche, ma è stato dimostrato - con sentenza di primo grado - che i medici che hanno tenuto in cura Uva dopo l'arresto, non hanno alcuna colpa.

Dopo un supplemento di perizia, sempre disposto dal giudice, è stato scientificamente provato che le cause del decesso coincidono con un complesso di fattori esterni che hanno scatenato un collasso cardiaco: stato di ebbrezza, stress emotivo, lesioni. Chi lo ha ridotto così? Allo stato attuale nessun nuovo processo è in corso, ma il giudice estensore della sentenza ha disposto ulteriori indagini sull'arco di tempo che la vittima ha trascorso in caserma e sulle reali cause di morte.

In quelle ore è racchiusa la verità. (continua a leggere su popoff)

Checchino Antonini



Nessun commento:

Notizie Correlate