30 novembre 2012

Io ero con i No Tav arrestati. Vi racconto come sono andate davvero le cose

Ieri mattina la Digos di Torino ha fatto scattare arresti e perquisizioni nei confronti di cittadini impegnati nella lotta No Tav, in quattro regioni: Piemonte, Lazio, Lombardia e Trentino.

Piacenza: suicidio in carcere, si toglie la vita un ragazzo di 22 anni

Un altro morto nelle carceri italiane. Ci hanno appena riferito che oggi, nel carcere di Piacenza, un giovane detenuto italiano di 22 anni si è tolto la vita”, scrive in una nota il segretario generale aggiunto del sindacato autonomo di polizia penitenziaria, Giovanni Battista Durante. “È l’ennesima tragedia nelle sovraffollate carceri italiane dove ormai è un vero e proprio bollettino di guerra”, aggiunge, come riporta l’Adnkronos.

29 novembre 2012

Militia, Maurizio Boccacci e Stefano Schiavulli condannati per ricostituzione del partito fascista

Arriva a conclusione, in primo grado, uno dei procedimenti avviati contro i neonazisti della formazione capeggiata da Maurizio Boccacci, già leader del disciolto Movimento politico occidentale, e Stefano Schiavulli, accusati di aver esposto nella capitale – tra il 2008 e il 2009 – 16 striscioni con scritte negazioniste e che incitavano alla discriminazione razziale.

Vicenza, il carcere dell’orrore “Botte e minacce ai detenuti”

Pestaggi, minacce, vessazioni di ogni genere. È un film dell’orrore il racconto dei detenuti di quanto accade tra le mura del carcere di Vicenza: “un feudo medievale” dove “non c’è civiltà”. Dove i reclusi sono “ostaggi”, “in balia degli umori degli ispettori”, e perfino gli educatori “hanno paura”. Testimonianze sconvolgenti riportate dalla deputata radicale Rita Bernardini in un’interpellanza urgente al ministro della Giustizia presentata dopo aver visitato l’istituto veneto solo pochi giorni fa.

Ancora arresti per i No Tav. Sgomberato il presidio di Chiomonte

E' in corso un operazione di polizia con arresti domiciliari, provvedimenti cautelari e obblighi di dimora (con divieto di permanenza a Torino) ad attivisti No Tav  per l’occupazione della Geovalsusa, una delle ditte implicate negli appalti del Tav, avvenuta in agosto a Torino.

28 novembre 2012

#14N, Si parte e si torna insieme - Racconti dal carcere

Ci ho messo un po’ a decidere di buttare giù queste righe. Ripercorrere con la mente certi momenti non è facile, soprattutto se sei stato vittima di quello che uno a volte anche astrattamente chiama “repressione dello Stato”. Mi sono detta però, che certe cose non devono passare sotto silenzio anzi, bisogna urlarle al mondo intero. Questo è per tutti quelli che il 14 novembre sono scesi in piazza e non hanno avuto paura. È per tutti quelli che l’hanno avuta. È per tutti quelli che l’hanno ancora, ma sono determinati a sconfiggerla e riprendersi le strade. È per tutte le detenute e i detenuti, che oltre a essere privati della libertà, “vivono” in condizioni pessime e degradanti, ma mi hanno mostrato cos’è la solidarietà. È per la mia famiglia che non ha mai smesso di sostenermi. È per i miei compagni e le mie compagne che in quel momento ho sentito ancora più vicino. È solo grazie a voi che non sono crollata.

Cancellieri: “il numero identificativo per gli agenti? Non è fattibile”

Rendere identificabili gli agenti in servizio di ordine pubblico con un codice alfanumerico? Non è fattibile. Ad affermarlo la Ministra Cancellieri durante un incontro con i sindacati di Polizia.

26 novembre 2012

Carcere, la dignità calpestata. Il rapporto di Antigone.

Nonostante la legge svuota carceri, il tasso di affollamento nelle prigioni italiane rimane altissimo. Un detenuto su tre è di origine straniera.Presentato a Roma il IX rapporto sulle condizioni di detenzione in Italia dall’osservatorio Antigone.

25 novembre 2012

Poliziotto ferisce a un piede un'automobilista con cui aveva avuto un diverbio

Un uomo di 43 anni è rimasto ferito a un piede da un colpo di pistola dopo una lite per la viabilità con un agente di Polizia che era fuoriservizio. L'episodio è avvenuto ieri a Roma sul Raccordo Anulare intorno alle 17, in direzione Firenze, ma oggi se n'è avuta notizia.

I No Tav tra servizi sociali e dinamite

Il tribunale a caccia di minori nei cortei. E al cantiere si preparano a devastare la valle. Video dei genitori e lettera di Nicoletta Dosio

24 novembre 2012

Video inedito: schedatura di massa il 14 novembre

La gestione dell'ordine pubblico di quel giorno è l'antipasto del pacchetto Cancellieri: daspo e flagranza differita. Tra i sindacati nostalgia di Scelba

23 novembre 2012

Mantova, picchiato e lasciato sull’A22 dalla polizia

La notizia era uscita inizialmente come aggressione da parte di due "bodyguard", poi le indagini hanno portato a un'auto civetta della polizia sulla quale viaggiava Luca Priori, capo del  Coisp sindacato di polizia in Veneto.

La vittima: "Mi hanno colpito e sbattuto per terra, poi contro il guardrail e se ne sono andati". La replica: "Sono in una missione importante e non posso parlare se non con il questore. Pestaggio? E' stato un diverbio"

Squadre speciali, arresti differiti e daspo: la risposta "democratica e sobria" del Governo Monti alla crisi

Cominciano a delinearsi le prime misure repressive annunciate dal governo dopo gli scontri di piazza avvenuti il 14 novembre in varie città italiane.

Per fronteggiare la crisi economica e sociale e camuffare la vertiginosa caduta di credibilità politica del Governo Monti verranno ulteriormente inasprite le norme legislative e la gestione dell’ordine pubblico ispirandosi a quel laboratorio della repressione sociale che nell’ultimo decennio hanno rappresentato le curve degli stadi.

22 novembre 2012

Le vere emergenze securitarie sono altre

È difficile immaginare che i manifestanti avessero l'intento e le capacità di dare l'assalto al "palazzo d'inverno" e di identificarlo in quello del ministero della Giustizia.

I poliziotti protestano. Vogliono l’impunità?

Non vogliono che li si possa identificare, e tantomeno gradiscono le indagini e le polemiche sul loro operato in piazza. I sindacati di Polizia sono sul piede di guerra e per sabato annunciano una protesta simbolica.

Firenze. L'"affetto" della polizia per il Cpa

Una denuncia politica da parte del centro popolare autogestito fiorentino.

I PROVOCATORI (di mestiere)

15 ottobre 2011: altri 5 arresti.

Era prevedibile che qualche giorno dopo le botte agli studenti del 14 novembre e alla vigilia delle nuove manifestazioni indette sabato dal movimento studentesco e dagli insegnanti sarebbe scattata qualche operazione di polizia.

21 novembre 2012

Processo No Tav: udienza rinviata a Gennaio

E’ iniziato il processo al movimento NOTAV, a seguito degli arresti del 26 Gennaio, che vede a giudizio 45 persone colpevoli di aver resistito, insieme ad altre migliaia di persone valligiane e non, allo sgombero della Libera Repubblica della Maddalena e poi di aver assediato il cantiere il 3 Luglio.

Lettera aperta al ministro Cancellieri

Gentile ministra Cancellieri,

abbiamo letto i suoi interventi di questi giorni, successivi alle manifestazioni del 14 novembre, e il suo impegno a identificare e punire l'agente ripreso mentre picchiava un giovane inerme. Abbiamo anche letto le sue parole sulle “mele marce” da isolare e sul fatto che la ferita del G8 di Genova del 2001 è da considerare chiusa.

20 novembre 2012

Daspo per i manifestanti: «Governo irresponsabile»

Il Daspo per gli studenti chiesto dal ministro degli Interni Cancellieri fa esplodere la protesta degli studenti. «Ridicoli» definiscono gli esiti dell'indagine dei Carabinieri sui lacrimogeni esplosi dal ministero della Giustizia mercoledì scorso. Sabato 24 si torna in corteo a Roma. I sindacati della scuola dichiarano sciopero generale

Cancellieri come Maroni: "Si al daspo politico"

Il ministro degli Interni invoca il giro di vite per i manifestanti fermati alle manifestazioni. E sul codice identificativo per i polziotti prende tempo: «E' un problema molto più complesso».

19 novembre 2012

Foligno: Picchiato dai vigili urbani per aver stracciato la multa

Medico della provincia di Avellino denuncia: "Picchiato e costretto a restare con le braccia alzate per un'ora"

Ariton Canaj, 25 anni ucciso dalla polizia ad un posto di blocco fra Siena e Grosseto.

La notte fra il 20 e 21 giugno 2012 Ariton Canaj, un giovane di origine albanese di 25 anni, è stato ucciso dalla polizia italiana a un posto di blocco tra Siena e Grosseto. La sua storia è stata finora completamente ignorata dai mezzi d’informazione. I suoi genitori, contadini, hanno deciso di intentare una causa allo stato italiano dall’Albania, tra enormi difficoltà.

Testimonianze: Mio figlio fermato e denunciato. Storia di un ordinario sopruso

Gentile Osservatorio, voglio portare a conoscenza un inscrescioso episodia accaduto a mio figlio.
I fatti sono accaduti il giorno 18 novembre 2011 intorno alle ore 19,30, in Passo Corese, frazione del Comune di Fara Sabina, a mio figlio Matteo Cocco che, fermato da una pattuglia dei Carabinieri nella via in cui risiediamo allorché era alla guida dell’auto di proprietà di mia moglie Paola De Rosa, veniva condotto presso la locale caserma per sospetta detenzione di sostanze stupefacenti.

Roma, attivisti del Teatro Valle aggrediti (dalla polizia?) nel quartiere ebraico

Mercoledì, mentre la Polizia rincorreva gli studenti per le strade di Roma, alcuni attivisti del teatro Valle occupato attraversano l'ex quartiere ebraico. Minacciati, aggrediti e pestati. In pieno giorno e godendo della più completa impunità.

17 novembre 2012

Val Susa, nel bosco non si respira. Cariche ai No Tav

La polizia occupante sta caricando i manifestanti che passeggiano in Clarea. E i servizi sociali braccano i minorenni

14N, liberi, con obbligo di firma, gli arrestati di Roma

Liberi tutti gli otto ragazzi arrestati nella caccia all'uomo delle forze dell'ordine seguita alla carica sul lungotevere di Roma quando è stato fermato il corteo di alcune decine di migliaia di persone che manifestava nell'ambito dello sciopero generale europeo e voleva raggiungere il presidio autorizzato sotto Montecitorio.

16 novembre 2012

La mamma di Aldro: «Difficile credere alla Cancellieri»

Anche ai genitori di Federico Aldrovandi fu detto: «Puniremo i violenti». Ma pare siano sempre lì, anche dopo la Cassazione

Palermo: cariche contro studenti e disoccupati

E’ davvero pesante il clima che si respira nel paese. Gli studenti che protestano contro i tagli e la continuità tra il nuovo governatore Crocetta e quello vecchio, Lombardo, vengono caricati. Ma riescono a ritardare una cerimonia con Crocetta e Schifani.

#14N: Corteo studenti, lacrimogeni lanciati dal ministero della Giustizia

I lacrimogeni lanciati a freddo dal ministero della Giustizia (dai Gom?) sulla gente che cammina pacificamente sono la fotografia più nitida dell'abisso in cui siamo arrivati. Vediamo se si dimette qualcuno. Questo video andrà citato sui libri di storia.

15 novembre 2012

#14N Presidio a Regina Coeli: 'Liberi tutti, il dissenso non si arresta'

Centinaia di studenti e attivisti sotto il carcere di Regina Coeli per chiedere la liberazione degli 8 arrestati ieri denunciano la violenza gratuita e la caccia all'uomo.

"Il dissenso non si arresta. Tutti/e liberi/e". Questo c’è scritto su uno degli striscioni campeggia fuori dal carcere romano di Regina Coeli dove sono detenuti 7 degli 8 giovani arrestati ieri durante le violentissime cariche contro il corteo degli studenti intrappolato e aggredito su Longotevere, all’altezza di Ponte Sisto e poi a Ponte Garibaldi.

Amnesty condanna il comportamento delle forze dell'ordine

Mentre gli studenti dopo la giornata di mobilitazione di ieri continuano a organizzarne altri appuntamenti per dare continuità allo sciopero e proseguire a contrastare il governo Monti per affermare i loro diritti e molti altri di loro sono davanti a Roegina Coeli per i compagni che dopo le violente cariche della polizia sono stati arrestati, arriva anche il duro commento di Amnesty Italia che condanna il comportamento delle forze dell'Ordine.

I tecnici del manganello

Se nelle piazze italiane di 87 città, da Milano a Torino, da Roma a Napoli, da Padova a Brescia e a Pisa abbiamo visto in azione ieri i «professionisti della violenza», questi indossavano immancabilmente caschi blu, anfibi e pantaloni con la riga rossa.

#14N, lo sciopero è europeo, il governo cileno

Il bilancio provvisorio di una giornata di lotta importante e di una repressione pesante.

Polizia, subito numeri identificativi

Una manganellata in pieno volto. Quando il ragazzo è a terra, già immobilizzato. Dal video che sta girando in Rete, sembra anche non voler opporre resistenza.

14 novembre 2012

#14N La Cgil condanna. La Polizia? No, i manifestanti

In un comunicato tutto politichese e bizantinismi, il sindacato che oggi è riuscito a fare addirittura 4 ore di sciopero condanna la "violenza". Quella dei manifestanti, ovvio...

#14N anche in Val Susa, lancio di lacrimogeni e idranti...

Nelle ore scorse una trivella è stata spostata nei pressi dell’uscita dell’autostrada di Susa, vicino al presidio internazionale. Lo svincolo è stato chiuso con i newjersey e completamente militarizzato.

Testimonianze: Vogliono resuscitare i tempi infami di Kossiga?

14 novembre 2012, Roma, i giovani delle scuole medie superiori e delle Università bruciano di rabbia contro il governo Monti, che, erede di Berlusconi, conosce solo i tagli dell’istruzione e della ricerca e prova ad accrescere sempre più i fondi al Vaticano: altro che illuminati piuttosto si tratta di “oscurati” cioè di cricche e congreghe reazionarie ultracristiane!

#14N..Rise Up!: Cariche pestaggi e fermi, forze dell'Ordine scatenate per reprimere il movimento

Oggi in molte città italiane ci sono stati cortei che hanno riempito le piazze: colpiti ovunque i responsabili della crisi, dai palazzi governativi alle sedi delle banche, in una giornata molto partecipata e caratterizzata da grande determinazione. Da Torino a Palermo, respinte e rifiutate le ricette dell'austerity! Forze dell'Ordine scatenate a reprimere. Cariche, pestaggi, lacrimogeni e fermi a  Roma Brescia, Torino, Modena, Milano e Padova

13 novembre 2012

La memoria non si chiude con un sigillo!

Sabato 17 Novembre dalle 16.00, l'Associazione "Le compagne e i compagni di Sardo, Carla e Valerio Verbano" ha indetto una manifestazione in Via Monte Bianco al fine di aprire ufficialmente la vertenza riguardo l'assegnazione dell'appartamento in cui il 22 febbraio 1980 venne ucciso, in un agguato fascista, Valerio Verbano.

Sardegna: scontri operai-polizia davanti alla miniera di Serbariu

Scontri davanti alla miniera di Serbariu dove è previsto l’arrivo dei ministri Barca e Passera. Poco prima dell’arrivo dei ministri Passera e Barca e del sottosegretario De Vincenti, attesi a Carbonia per una serie di incontri istituzionali sulla vertenza Sulcis, un gruppo di operai dell’Alcoa ha sfondato le recinzioni e si è scontrato con le forze dell’ordine in tenuta antisommossa, che presidiavano l’ingresso della Grande Miniera di Serbariu dove si svolgeranno gli incontri.

12 novembre 2012

G8 Genova: Questore menti per "coprire" De Gennaro. Chiesti 3 anni al processo

L'allora questore di Genova avrebbe mentito per ammorbidire la posizione del suo capo, Gianni De Gennaro. la sentenza il 20
Tre anni e senza attenuanti per aver mentito in Aula per "accomodare" la posizione del suo capo d'allora, il potentissimo Gianni De Gennaro. E' arrivata oggi la richiesta di pena per l'ex questore di Genova, Francesco Colucci, accusato di falsa testimonianza nell'ambito del processo per i fatti della scuola Diaz.

I fascisti aggrediscono, ma il problema sono gli antifascisti. Il Caso del liceo Tasso a Roma

A ROMA I FASCISTI FANNO AGGRESSIONI NEI LICEI MA IL PROBLEMA SONO I RAGAZZI ANTIFASCISTI CHE LOTTANO CONTRO MONTI: IL CASO DEL TASSO.

Roma, mattinata del 12 novembre: ennesime provocazioni nazifasciste nelle scuole.

Sui muri dei Licei Manara e Mamiani, in due zone ben lontane, compaiono svastiche, scritte di W HITLER, insulti ai partigiani, minacce gravi agli antifascisti.

Il Ministro Fornero fa la choosy a Napoli. Caricato il corteo di protesta

Giornata di mobilitazione a Napoli per l'arrivo del ministro del Lavoro Elsa Fornero, il suo omonimo tedesco Von der Leyen e il ministro dell'Istruzione Profumo alla Fiera d'Oltremare a Napoli, per un vertice sulle politiche per l'inserimento nel mondo del lavoro dei giovani. Le forze dell'ordine caricano e lanciano lacrimogeni.

Testimonianze: Non si processano le idee!

Negli ultimi anni spesso abbiamo sentito parlare dei casi di mala-polizia, di un eccessivo abuso di potere da parte delle forze dell'ordine che hanno dato vita a casi struggenti e irrisolti, che hanno spezzato vite, strappate alle loro famiglie, ai loro cari, ai loro affetti. Stefano Cucchi, Aldo Bianzino, Federico Aldrovandi, la macelleria messicana della Diaz, sono tutti casi che emergono fuori come la punta dell'iceberg e di cui siamo a conoscenza oggi grazie al coraggio di coloro i quali hanno voluto denunciare i soprusi subiti.

Luco dei Marsi: Botte e coltellate, è caccia all'immigrato

Sono inseguiti, braccati. Spacciatori e contadini, clandestini o regolari. Ronde, coltellate, pestaggi. In un paese dell'Abruzzo sono arrivati i giustizieri della notte contro gli immigrati. È la legge fai da te a Luco dei Marsi. In prima linea la famiglia del sindaco. A meno di un'ora da Roma capitale c'è un'Italia degli schiavi sopraffatta dalle violenze e ricattata dal racket dei padroni degli orti, botte e pizzo, imboscate e un obolo di 7 o 10 mila euro per intascare un falso contratto di lavoro e ottenere un permesso di soggiorno.

11 novembre 2012

Pontedera. Blitz di Forza Nuova.... Contro i bambini!

Incredibile blitz dei fascisti di Forza Nuova all'interno di un teatro dove era in corso una cerimonia di consegna della cittadinanza a centinaia di bambini nati in Italia.

Ieri all’interno del Teatro Era di Pontedera, comune a pochi chilometri da Pisa, c’era una festa. Quella per la consegna della cittadinanza a 603 bambini e bambine nati in Italia da genitori immigrati e cresciuti nel nostro paese. Con loro, a condividere il bel momento, le loro famiglie.

8 novembre 2012

Giuliano (Na): La polizia spara al posto di blocco, ucciso un giovane rom

Sparatoria e un morto sull'Asse mediano, la strada di collegamento tra i comuni a nord di Napoli. L'uomo ucciso -Andrea Adzovic, nato ad Aversa, nomade di 21 anni, padre di tre figli - era a bordo di una Opel Kadett di colore grigio che, intorno alle 5 del mattino, non si è fermata all'alt ad un posto di blocco effettuato da una squadra di Polizia giudiziaria del compartimento di Polizia Stradale.

Bologna: suicidio nel carcere della Dozza

Un altro uomo, José Gonzalez Torres, si è tolto la vita in carcere, alla Dozza. Era rinchiuso al secondo piano della sezione giudiziaria, in un reparto dove si stanno sperimentando condizioni di detenzione meno rigide.

7 novembre 2012

Lecce: Condannati poliziotti per comportamento violento contro migranti

E' accaduto a Lecce. Un poliziotto è stato condannato per abuso d’ufficio ma anche per lesioni al risarcimento danni, con la sentenza 42182 del 30 ottobre 2012, perché secondo le indagini eseguite "preleva" senza alcuna motivazione "lo straniero" e lo perseguita in Questura.

Notizie Correlate