15 novembre 2012

#14N, lo sciopero è europeo, il governo cileno

Il bilancio provvisorio di una giornata di lotta importante e di una repressione pesante.

Mentre le immagini mostrano quattro agenti accanirsi su un ragazzo già ferito e sdraiato a terra, i tg di Mediaset ripetono il mantra degli infiltrati cattivi mescolati agli studenti buoni. Dov'è la guerriglia che rimbalza di titolo in titolo? I registi di Mediaset mescolano fotogrammi romani e fotogrammi d'archivio e di altre città per sostenere la tesi della guerriglia urbana nella Capitale. Il Tg3 va a ruota e riseppellisce Sandro Curzi a ridosso del quarto anniversario della sua scomparsa. L'Unità sembra tornata agli anni '70 quando era ossessionata dall'inseguimento alla dc (ora l'ha raggiunta, il Pd è un cocktail tra quel Pci e la solita dc): il titolo è "I violenti contro lo sciopero". Bersani e la Camusso, infatti, solidarizzano con le forze dell'ordine i cui sindacati si complimentano allo specchio per la professionalità mostrata. Anche la polizia, scorazzando su Ponte Garibaldi sembra unta dal fantasma di Kossiga.

Il bilancio ufficiale parla di 140 studenti identificati a cui sono state trafugate macchine fotografiche, cineprese e telefonini, almeno 8 arresti, forse quasi il doppio e altrettanti fermi, 16 agenti feriti e un numero imprecisato di manifestanti feriti anche loro mentre provavano a mettersi in salvo dalla caccia all'uomo che s'è scatenata «per impedire che venissero raggiunti i palazzi del potere», almeno su questo i tg non hanno mentito. E il bilancio è ancora più grave se si contano fermati e feriti nelle altre 87 piazze di questo 14Nit, la sigla con cui lo sciopero europeo è circolata su twitter. Domani non si terranno i processi per direttissima per la convalida dei fermi. L'accusa da teorema: devastazione e saccheggio. Alla Sapienza, dove gli studenti si sono visti in serata, è evidente nelle riflessioni, la sproporzione dell'accusa e del reato contestato, sembra il tentativo maldestro di coprire l'immenso numero di testimonianze e immagini che provano la brutalità della violenza poliziesca dispiegata sul lungotevere. Riflessioni che non trovano posto in onda. Alcuni degli arrestati, per le botte ricevute sarebbero anche stati portati in ospedale, ma non si hanno notizie certe. Stamattina, giovedì 15, l'appuntamento è alle dieci alla Sapienza per fare il punto della situazione e decidere eventuali momenti di risposta. E, alle 15, un presidio sotto Regina Coeli.

Alemanno torna a sgolarsi per chiedere di inibire i cortei, lui la chiama regolamentazione. Il nome che non viene mai pronunciato è quello del premier Monti. La grammatica della guerriglia tv ha cura di non associare quel nome a quelle immagini. Eppure da un mese si moltiplicano i segnali: tre cariche in quattro settimane per il nuovo questore milanese. Poi la sequenza di questi giorni: mazzate a Napoli contro gli studenti che contestavano la Fornero, ronde da esercito occupante in Val Susa, cariche sui lavoratori sardi e poi le manganellate sugli studenti, la caccia all'uomo.

Schizofrenici i tg delle reti all-news proiettano in diretta, a tarda sera, le cariche di Madrid e Lisbona, l'estetica del riot cattura l'audience e influenza perfino la moda mainstream, ma in studio nessuno si sofferma sull'eurostrike, lo sciopero generale europeo di cui la giornata è un primo, riuscito, esempio ed è il prodotto, fuori dall'Italia, degli spazi di mobilitazione permamente come quelli degli indignados. Ma appunto per questo che non se ne parli, così come non si parli di chi trasgredisce agli ordini di scuderia della Cgil e raggiunge gli studenti, e nemmeno si parli di una misura elementare, semplice, di buon senso: quella del codice alfanumerico sulle giubbe dei robocop in divisa col vizietto di accanirsi su persone perlopiù inermi, in branco contro uno. (continua a leggere su popoff)

Checchino Antonini


Nessun commento:

Notizie Correlate