28 settembre 2012

Cosenza: Parla il fascista Delle Chiaie, la polizia picchia e manda all'ospedale gli antifascisti

A Cosenza la polizia si schiera per difendere Stefano Delle Chiaie fondatore di Avanguardia Nazionale, implicato nelle più oscure vicende dello stragismo nero in Italia e in Sud America intervenuto per la presentazione del libro 'L'aquila e il condor'  . Caricati violentemente gli antifascisti. Un manifestante in ospedale.
Ormai non è piu un eccezione, le Questure e le Prefetture invece di far rispettare numerose leggi che vietano la propaganda fascista orinandano violente caricche delle forze dell'ordine contro chi si mobilità contro il fascismo.

E' accaduto anche oggi a Cosenza, dove manifestanti antifascisti che si stavano avvicinando all'ingresso della sala dove Stefano Delle Chiaie (fondatore di Avanguardia Nazionale, implicato nelle più oscure vicende dello stragismo nero in Italia e in Sud America) questa sera intende presentare il suo libro 'L'aquila e il condor' sono stati respinti a manganellate da un cordone di poliziotti.

Alle manganellate e agli spintoni degli agenti in tenuta antisommossa.  Francesco Saccomanno, dirigente calabrese del Prc é rimasto ferito ed é stato portato in ospedale per essere medicato.

Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista intervenuto sui fatti ha dichiarato: “Voglio denunciare con forza le cariche della polizia che hanno pestato i compagni e le compagne – mandandone uno in ospedale – che oggi a Cosenza in Piazza Matteotti giustamente contestavano la presenza di Delle Chiaie. Questo è uno stato democratico nato dalla Resistenza e anche le forze dell’ordine nei loro interventi e il Ministro Cancellieri nelle sue direttive dovrebbero uniformarsi a questo principio.”


 


1 commento:

filascri ha detto...

Liberismo, capitalismo, fascismo.....berlusconismo, montismo....l'antidoto? ORA E SEMPRE RESISTENZA.

Notizie Correlate