4 luglio 2012

L'adunata fascista di Milano: Un progetto europeo

La Rete antifascista protesta e chiede appoggio al sindaco Pisapia Nella città medaglia d'oro della Resistenza la due giorni di «Alleanza europea dei movimenti nazionalisti» con gli xenofobi ungheresi di Jobbik, il Front national, il British national party e Fiamma tricolore
È preannunciato per venerdì e sabato, 6 e 7 luglio, presso l'Hotel Michelangelo, lo svolgimento di un convegno a Milano indetto dall'Alleanza europea dei movimenti nazionalisti (Aemn), formalmente un coordinamento costituitosi nell'ottobre 2009 a Budapest su iniziativa dei razzisti ungheresi di Jobbik, del Front national francese e dei neonazisti inglesi del British national party, cui si sono aggiunte numerose altre formazioni da Spagna, Svezia, Slovenia, Portogallo, Russia, Belgio, Lituania, Malta, Polonia e Bulgaria. Da segnalare nell'occasione anche l'arrivo di statunitensi e russi. Duecento persone in tutto, stante la sala.

Anche se l'Aemn non ha i numeri per formare un proprio gruppo a Strasburgo (ci vorrebbero 25 deputati di sette paesi diversi), il suo obiettivo è la costituzione di un partito paneuropeo, contro l'Europa federale e in «difesa della famiglia e dei valori tradizionali». Ovviamente scontato il no all'ingresso della Turchia nel consesso europeo. Si tratta in realtà del tentativo di nuova Internazionale nera con ipernazionalisti, neofascisti e neonazisti di tutte le risme e da tutte le latitudini.

Due i temi annunciati: la fondazione di un sindacato europeo e la crisi dell'euro. Ad aprire l'incontro sarà il deputato europeo Bruno Gollnisch del Front national, cui seguiranno gli interventi di Nick Griffin del British national party e dell'eurodeputato Béla Kovàcs di Jobbik. Al termine dei lavori dovrebbe essere anche stilata una specie di «dichiarazione politica comune».

L'Italia verrà rappresentata dalla Fiamma tricolore (cui è stata demandata l'organizzazione delle due giornate milanesi), guidata dall'ex parlamentare europeo Luca Romagnoli, passato alla notorietà per aver sostenuto, nella campagna elettorale del 2006, di non aver mai avuto «elementi sufficienti» per dichiarare l'esistenza delle camere a gas nei campi nazisti. In prima fila, oltre a lui, anche Roberto Jonghi Lavarini (di Destra per Milano e del Pdl) e il lepenista nostrano Roberto Perticone (di Vox Populi). Nelle ultime ore è stata anche fatta filtrare la notizia del possibile arrivo dei nazisti greci di Alba d'Oro. Difficile pensarlo, anche perché di un altro giro a livello europeo, rappresentato in Italia da Forza nuova. Il tutto a ridosso della stazione centrale, uno dei punti di ritrovo a maggior densità multietnica che la metropoli conosca.

La Rete Antifascista milanese, composta dalla Camera del lavoro, dall'Arci e da numerose altre associazioni, tra cui Memoria antifascista, ha già chiesto a Prefettura e Questura che questo raduno «pericoloso per la convivenza civile e democratica» non abbia luogo, e invitato il Sindaco di Milano, città Medaglia d'oro della Resistenza, perché manifesti «la propria contrarietà a questo avvenimento, qualificando come non gradite le persone e le forze che vi vorrebbero partecipare».

Milano ha già conosciuto negli ultimi anni avvenimenti simili. Nel 2010, in maggio, con Forza nuova e Jobbik in piazza Aspromonte, seguito qualche giorno dopo, a Cinisello Balsamo, da un raduno europeo degli Hammerskin. In misura minore, nel novembre 2011, un altro a Bollate. Sarebbe ora di dire basta.


L'estrema destra italiana guarda a Marine Le Pen

Si profila un nuovo partito anti-europeo e complottista, nel quadro di una ricomposizione delle diverse anime un tempo in An. Storace prova a convogliare un polo.

L'assetto che assumerà nei prossimi mesi la destra istituzionale deciderà inevitabilmente anche del destino delle estreme, soprattutto dal punto di vista elettorale. Il travaglio, in particolare, del partito di Berlusconi, risulterà decisivo.

In questo ambito gli orientamenti dell'ex componente di Alleanza nazionale, divisa tra chi vorrebbe continuare la battaglia nel Popolo della libertà, o in ciò che ne sarà, e chi intenderebbe dar vita a un nuovo soggetto politico, potrebbero innescare conseguenze non secondarie. Non pochi sono stati coloro che in questa corrente hanno guardato con simpatia alle manifestazioni dello scorso marzo promosse da La Destra di Francesco Storace contro il governo Monti, le lobby bancarie e l'Unione europea.

Se alla fine fosse questo il passo, che si tradurrebbe nel varo di un nuovo partito, ci sarebbe probabilmente posto anche per lui e per la sua organizzazione, nel quadro di una ricomposizione delle diverse anime che avevano un tempo convissuto in An. Non ci troveremo però di fronte alla semplice riedizione di Alleanza nazionale, tanto più dopo la dipartita di Gianfranco Fini, ma a qualcosa di più simile, almeno nelle intenzioni, al Front national di Marine Le Pen. La cifra prevalente sarebbe quella di un populismo ultranazionalista, all'insegna del rifiuto della società multiculturale, non disdegnando il recupero di aspetti della passata identità missina, forse solo in forme più moderne e meno catacombali. Comunque sia un progetto da spendere in alleanza con Silvio Berlusconi o con l'eventuale sua nuova creatura, in forte sintonia, per altro, con analoghe pulsioni interne al Pdl, vedi Daniela Santanchè e il suo tentativo di imitazione di Marine Le Pen.

Dal canto suo, Francesco Storace, in attesa degli eventi, non solo ha avviato un'interlocuzione con il Front national, ma sta attrezzando La Destra per farne un possibile punto di raccolta di tutti gli spezzoni organizzati del neofascismo. Una sorta di «polo nero», disponibile a sua volta a un accordo con la destra istituzionale nelle prossime elezioni politiche, in grado di andare oltre i modestissimi risultati ottenuti nelle ultime tornate amministrative, pur in alleanza con il Pdl, costantemente sotto l'1%. Già nel corso dell'ultimo anno ne La Destra sono confluiti i rimasugli del Fronte sociale nazionale di Adriano Tilgher, le residue truppe della Fiamma tricolore di Luca Romagnoli, sotto forma di patto elettorale, più altre schegge, a Roma, della cosiddetta destra sociale, un tempo sotto le ali di Gianni Alemanno. Qui, la sua sempre più deludente amministrazione, sta spingendo anche all'autonomizzazione di realtà come Casa Pound, in procinto (per ora solo a parole) di presentare una propria lista nelle prossime elezioni comunali.

A rimanere fuori dal coro potrebbe essere unicamente Forza nuova, nonostante i buoni uffici di Alessandra Mussolini, che già aveva caldeggiato in passato la causa di alcuni suoi candidati indipendenti da eleggere in Parlamento nelle liste del Pdl. Da qui il superattivismo di Fn degli ultimi tempi, i maldestri tentativi di interfacciarsi con alcuni movimenti di massa, da quello dei «forconi» a quello No Tav (inevitabilmente senza alcun risultato), accompagnato da svolte organizzative interne con prove di servizi d'ordine. Emblematica la promozione lo scorso 1 maggio a Predappio (guarda caso) di una giornata a livello regionale con «corsi di autodifesa» gestiti da non meglio precisati «maestri». L'idea rimane sempre quella dei «manipoli» stile anni Venti.

Se per l'insieme delle destre appaiono dunque ancora indefiniti gli approdi, con la Lega forse intenzionata a marciare per conto proprio, per alcune componenti sembrerebbe invece più chiara l'intenzione di guardare all'esperienza del Front national francese come possibile chiave di rilancio. In quest'ottica, sempre più, anche la denuncia della crisi come complotto mondiale delle élites bancarie governate dai massoni. Tornano sui alcuni quotidiani (Il Giornale e Libero) i nomi della Trilateral commission, del Club Bilderberg e dell'Aspen Institute, come ispiratori di non meglio precisati «Governi mondiali». Un'analisi in chiave complottista, patrimonio non più solo delle destre estreme, ma ormai trasversale, dalla Lega ad ampi settori dello stesso Pdl. Da qui i diversi terreni di incontro.
 
Saverio Ferrari da il manifesto

Nessun commento:

Notizie Correlate