13 luglio 2012

Condannato il gestore del sito "Abuse Sbirro"

All'epoca il gestore del sito venne denunciato dal commissariato di Lanciano CH (Ispett. Ucci Antonio e questa volta appoggiato anche dall'ispettore capo Roberto Montebruno) leggi qui la segnalazione, per aver postato due immagini.



Martedì 10 luglio 2012 si presentò in udienza colui che prese le foto da un sito esterno e lo pubblicava sul forum di Abuse Sbirro. Dichiara davanti al giudice Dott. Marino, di averle pubblicate lui e non il gestore del sito perchè non sapeva di commettere un reato, di fatti le foto sono state prese su un'altro sito e successivamente pubblicate su Abuse Sbirro, dopo la sua ammissione il giudice chiude il dibattimento ritirandosi per 40 minuti, ha impiegato tutto questo tempo per cercare qualcosa da motivare pur di condannare il gestore del sito. (La sentenza verrà depositata entro 15 giorni e sarà messa qui on line). Le foto si riferiscono alle due macchine delle forze dell'ordine, la Polizia aveva la scritta ASSASSINI (perchè l'abbiamo ucciso noi Aldrovandi?) e quella dei Carabinieri CACACAZZI (perchè l'abbiamo presi noi 14 anni per droga o il vostro Generale Ganzer Comandante dei Ros leggi qui.

La polizia di Lanciano si precipita a chiamare i giornali locali per far apparire la condanna del gestore del sito " Condannato a 2.000,00 di multa" per un fatto così grave. Ecco cosa fanno a Lanciano quando sei una persona scomoda.

Sapevo che... nonostante ci fosse un reoconfesso che ammette che sia stato lui... sapevo che sarei stato condannato comunque.... (in appello e cassazione il mio legale ci giocherà a palline, qualsiasi motivazione avrà messo).... mi sono dovuto togliere e vendere tutto quello che avevo, ho dovuto fare la separazione dei beni.... tutto questo perchè... perchè mi aspetto il peggio da loro... almeno salvo quello che ho guadagnato in 10 anni, purtroppo sono un nulla tenente... però vivo meglio di loro. Mi dipiace solo che non è potuto andare il mio legale di fiducia e deridergli in faccia all'ispettore Ucci, ma lo farò in appello.

Lui stesso (Ucci Antonio) mesi fa si inventò una calunia contro il gestore del sito leggi qui... a dargli retta è stato il sostituto procuratore Di Cuonzo che fissò l'udienza davanti al GUP... in questi casi ho dovuto far muovere gli avocati che contano.... di fatti dai 3 anni chiesti dal PM, il Giudice assolve.... perchè una persona o è indagato o è parte offesa... mentre io ero tutti e due, parte offesa e indagato... il mio legale (forse anche il giudice dell'udienza preliminare che proclamò l'assoluzione piena) si mise a ridere... ditemi voi come è possibile in Italia avere ispettori del genere e sostituti procuratori che nel giro di 20 giorni non si accorgono che ero io il querelante.... fissò due udienze, uno al sottoscritto "imputato per calunia" e l'altro era parte offesa... poi fissò un'altra udienza però al contrario... io "parte offesa" e l'altro era imputato.

Tutto questo... cari miei lettori... dimostra l'ennesima volta che Abuse Sbirro da fastidio veramente... siamo on line da oltre 4 anni ed hanno cercato più volte di oscurarci... forse ancora non ci riescono perchè riportiamo solo quello che dicono i giornali citando la fonte... il nostro sito da fastidio per un semplice motivo.... una notizia letta sul giornale se ne parla due giorni e poi tutti dimenticano... invece questo sito te lo ricorda 24 su 24 e riporta di tutto... tutti i reati che loro commettono... cercano di tapparci la bocca... ma di fronte hanno trovato una persona che (nonostante le tante denunce, proposte di sorveglianza speciale etc.) ... non molla... lui contro tutti... come disse una persona molto scomoda.... se indietreggio uccidetemi... se mi ammazzano vendicatemi. Ho avuto molte proposte di spostare il sito su altri server a costo zero.... ho ricevuto collaborazioni in tutta italia... manifestazioni ai NO TAV, G8 e tante altre... tranquilli il sito rimane on line... sono pronti altri hosting ad ospitarci gratis.

segnalato da: maurizio.aramino@tin.it

AbuseSbirro declina ogni responsabilità per fatti, casi e altro non veritieri da voi inviati.

Nessun commento:

Notizie Correlate