13 aprile 2012

Un occhio della testa - firma la petizione per la messa al bando dei proiettili di gomma, usati dalle polizie spagnole !


E' partita l'iniziativa per fare pressione sulle istituzioni italiane affinché si interessino della vicenda di Nicola Tanno, il 26enne studente italiano che ha perso l'occhio per un proiettile di gomma sparato dalla polizia spagnola. E per gli altri due italiani rimasti mutilati, come altre decine negli ultimi anni.


Tre italiani hanno perso un occhio a causa dei proiettili di gomma sparati dai Mossos D’Esquadra a Barcellona, le istituzioni italiane non si sono mai davvero interessate alla vicenda. Chiediamo al Ministero degli Esteri di impegnarsi attivamente, mediante tutti i canali ufficiali diplomatici affinché sia fatta luce sull’accaduto e vengano puniti i responsabili. Chiediamo inoltre che vengano messi al bando i proiettili di gomma, usati dalle polizie spagnole, proiettili che, a Bilbao, hanno di recente causato la morte di Iñigo Cabacas Liceranzu, 28 anni. Sono armi improprie, da bandire.

VACANZA A BARCELLONA? potrebbe costarti un occhio della testa

Barcellona è una bellissima città, ma pochi sanno che uno dei rischi principali in cui vi si può imbattere è costituito dalla sua polizia: i Mossos d’Esquadra.

Ben 25 persone dal 1990 hanno perso un occhio per colpa dei proiettili di gomma sparati dalla polizia catalana, negli ultimi 3 anni sono state 6 le vittime, di loro ben 3 – il 50% – sono cittadini italiani. Nessuno di loro sa chi ha materialmente premuto il grilletto, e per questo le denunce rischiano di essere archiviate e i crimini dei Mossos resterebbero impuntiti.

In tutto ciò ci domandiamo: ma il Consolato Italiano a Barcellona a cosa serve? Si sta adoperando per dare ai tre italiani tutto il proprio supporto?

Le istituzioni italiane devono impegnarsi nel far valere i diritti dei cittadini italiani con il governo spagnolo e catalano, affinché i responsabili vengano individuati.


 
Leggi anche:
 
 

Nessun commento:

Notizie Correlate