29 aprile 2012

Roma 25 aprile: manifestante fermata e portata in questura per la bandiera no tav

Riceviamo e pubblichiamo questa testimonianza davvero agghiacciante, che manifesta ancora una volta il comportamento arbitrario delle forze dell’ordine nei confronti di una notav. Un grave attacco ai diritti fondamentali di ciascuno. Ci uniamo all’appello per cercare l’uomo che ha filmato ciò che è accaduto a Margherita.


Di seguito il testo e il video

Questa è un’intervista di Vittoria Pagliuca- attivista di Amnesty, di Idv, di MoveOn Italia- a Margherita Fina, musicista dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, e attivista del movimento No Tav, raccolta immediatamente dopo lo spiacevole episodio avvenuto il 25 aprile 2012, a Roma.Nel video interviene il senatore Vincenzo Vita, che esprime sdegno per l’avvenuto considerando l’ipotesi di un’ interrogazione parlamentare a riguardo.

Margherita la mattina era uscita per raggiungere il corteo dell’A.n.p.i. che si radunava al Colosseo, e quindi percorreva via del Corso con la sua bicicletta e in mano una bandiera Notav sventolante in cima ad una canna da pesca. Arrivata a piazza Venezia, dove si stava svolgendo una manifestazione istituzionale, le viene sbarrata la strada dai carabinieri; sopraggiunge un uomo in borghese che con gesto aggressivo e toni arroganti le sfila brutalmente la bandiera dall’asta accusandola di violare la legge, ed un non meglio precisato art.18, per trovarsi ad incrociare, in modo premeditato, una manifestazione istituzionale munita di bandiera di un “partito politico”. A quel punto, Margherita, spaventata e sentendosi arbitrariamente impedita nelle sue libertà di movimento ed espressione, ha reclamato ad alta voce, davanti ad un piccolo pubblico, nel frattempo radunatosi, il suo diritto di cittadina di poter esibire una bandiera e specificando che il No Tav non è un partito politico ma un movimento popolare per la difesa del territorio. Nonostante avesse fornito il documento d’identificazione, viene presa sottobraccio dai due poliziotti in borghese per essere condotta nella vicina questura di piazza Collegio Romano. Qui i poliziotti cercano di intimorirla, dicendole che era persona a loro nota e appartenente ad un movimento che “lancia i sassi ai poliziotti”. Viene trattenuta per circa mezz’ora. Dal verbale di accompagnamento risulta: ” Accertamenti in quanto durante la cerimonia in piazza Venezia del 25 aprile, transitava in detta piazza in bicicletta, esponendo una bandiera della notav, appesa ad una canna da pesca lunga 2 metri circa”.

APPELLO: SI RICERCA URGENTEMENTE IL FILMATO O LA PERSONA CHE HA ASSISTITO ALLA SCENA TRA MARGHERITA E I POLIZIOTTI IN BORGHESE A ROMA PIAZZA VENEZIA LA MATTINA DEL 25 APRILE 2012!







Nessun commento:

Notizie Correlate