28 dicembre 2011

Omicidio Uva: I jeans di Giuseppe zuppi di sangue mischiato a dna non suo

sorelle di Giuseppe Uva

I jeans erano zuppi di sangue. E' ancora Lucia, la sorella di Pino Uva, a fornire le prime indiscrezioni sulle analisi genetiche che il tribunale ha ordinato sui vestiti che aveva indosso Giuseppe la notte del giugno di tre anni fa in cui fu scovato da un paio di carabinieri mentre spostava delle transenne in una strada di Varese. Ne seguì un sanguinoso e misterioso "controllo" di polizia, di quelli che non lasciano scampo. E un transito in ospedale dove, il giorno appresso, sarebbe morto. La versione ufficiale parlò, e parla tuttora, di intossicazine da farmaci. Lucia Uva non c'ha mai creduto. Il 14 giugno del 2008 toccò a lei, in obitorio, scoprire il naso ammaccato di suo fratello e la costola sollevata e il pannolone che lo imbracava. Toccò a lei porsi i primi terrificanti dubbi incredula sulle spiegazioni di autolesionismo o di troppo di vigore nella rianimazione. «Me lo sono toccato tutto, avevo la macchinetta fotografica perché ero partita per le vacanze e ho ripreso tutto: i bernoccoli sulla nuca, un ginocchio fuori posto, il collo del piede gonfio. Gli slip erano spariti», dirà a Liberazione.
Ora ha rivelato ai giornalisti una sintesi di quanto appurato dal perito Adriano Tagliabracci dopo la riesumazione della salma, avvenuta dopo un'aspra battaglia che, nel luglio scorso, ha avuto l'esito della disposizione di una superperizia. Ad assistere Lucia e i suoi c'è Fabio Anselmo, lo stesso legale dei casi Aldrovandi, Cucchi e Ferrulli. Dunque, nei pantaloni dell'uomo c'era molto sangue, e apparteneva a Giuseppe. Vi sarebbero poi delle cellule pavimentose, materiale genetico della zona anale o dalle basse vie urinarie. E c'è anche materiale biologico che il perito avrebbe attributo ad altri soggetti, e che è in alcuni casi frammisto al sangue di Pino Uva.
Per Lucia è la prova che la famiglia ha fatto bene, in questi anni, a chiedere di indagare in tutte le direzioni anche scavando nelle ore in cui Uva fu trattenuto in caserma. I risultati nella loro completezza saranno noti nei prossimi giorni. A questi vanno poi aggiunti i risultati della tac sui resti di Giuseppe. L'unico processo in corso, però, è quello contro due medici, quello del pronto soccorso e lo psichiatra del reparto. Il gup ha rinviato a giudizio prima lo psichiatra ma dicendo che la perizia è troppo generica e indicando la responsabilità dell'altro medico per il quale s'è aperto un secondo processo il 14 luglio. Anche il procuratore generale, opponendosi all'assoluzione, ammette che ci voleva maggiore attenzione. La parte civile, i familiari di Uva credono che la causa di morte sia il politraumatismo di quella notte non la sinergia tra sedativi. Il pm, dall'inizio di questa storia, appare particolarmente ostile alla famiglia di Uva. Ha perfino insinuato che Lucia avesse manomesso il cadavere. E, tra i misteri di quella notte, restano le dichiarazioni degli amici di Pino che aveva raccontato loro di avere avuto una relazione con la moglie di un carabiniere. A diradare la nebbia potrebbero essere le parole di Alberto Biggioggero, l'amico che era con Uva quella notte di giugno. C'era la partita, quella sera. Quando finì andarono al bar di Via Dandolo e, tornando a casa, videro le transenne che sarebbero servite per la Festa delle Ciliegie. Decisero di chiudere la strada in anticipo per fare una goliardata innocua. Erano quasi le tre. Un carabiniere di pattuglia lo riconosce, lo chiama per nome e cognome, iniziano a discutere. Arriverannno i rinforzi: due pattuglie di polizia che portano i due dai carabinieri in Via Saffi. Un'ora dopo Alberto sente gridare Pino. Invano chiede il perché poi chiama il 118, suo padre e l'avvocato. Per questo s'è salvato. «Pino lo portiamo a casa noi», gli dissero i carabinieri che "tranquillizzano" il 118: «Sono solo due ubriachi» salvo richiamare l'ambulanza alle 5.30. Il pm non ha mai sentito Alberto.

Checchino Antonini da Liberazione

1 commento:

Anonimo ha detto...

Speriamo che quel medico abbia il coraggio di parlare, nonostante le minacce che avrà ricevuto... e che i colpevoli paghino, nonostante siano protetti (anche non fossero responsabili del decesso, non si può pensare possano permettersi simili cose: il fatto è che la gente comune crede che a loro non potrà mai capitare, e invece!)

Notizie Correlate