16 novembre 2011

Bologna: sgomberato l'ex cinema Arcobaleno occupato

Alle 6 di questa mattina una quarantina fra agenti di polizia e carabinieri circondano i portici davanti all'ex cinema Arcobaleno occupato. La polizia in assetto antisommossa è intervenuta, sgomberando lo stabile e sollevando di peso gli occupanti. Le forze di polizia, chiamate dal sindaco Merola - degno successore dello “sceriffo” Cofferati - hanno sgomberato quel posto, per restituirlo al nulla al quale l’occupazione lo aveva sottratto.
Alle sette una bordata di fischi accoglie la serranda dell'ex cinema che si abbassa e mette fine allo sgombero. Gli occupanti pensano già al dopo: finita l'operazione di polizia sollevano la statua di Santa Insolvenza, simbolo della loro protesta, e la portano in giro per la città. Slogan contro il sindaco urlati col megafono mentre marciano sotto la Questura e il Comune blindatissimo, poi tornano davanti all'ex cinema Arcobaleno e infine, sugli scalini di Sala Borsa, annunciano una conferenza stampa per oggi alle ore 16.
Un luogo pubblico, un luogo che apparteneva alla comunità è stato sequestrato dagli interessi privati. Come accade sempre più spesso gli interessi del profitto, della rendita immobiliare e della speculazione prevalgono sugli interessi della comunità. Avrebbero voluto aprire un supermercato, in quel posto. Ma non ne possono mutare la destinazione d'uso, quindi il cinema ex Arcobaleno, non più cinema, è diventato un buco nero, un monumento al nulla culturale di questa classe politica corrotta e asservita alla dittatura finanziaria. E tale deve rimanere: un monumento al nulla.

1 commento:

Anonimo ha detto...

ebbene anche il signor merola si è dimostrato un bigotto servo di questa sinistra borghese bolognese...

Notizie Correlate