17 ottobre 2011

E' iniziata la caccia alle streghe: perquisizioni intimidatorie in tutta Italia

La furia repressiva che si scaglia in mattinata contro ignari compagni, alla ricerca di "armi ed esplosivi" tra l'altro ovviamente non trovati(anche se qualche volta hanno trovato uno o 2 grammi d'erba, forse erano queste le bombe che cercavano??),
Non si hanno ancora notizie precise, ma sembra che perquisizioni siano avvenute in gran parte dell'Italia: Padova, Livorno, Palermo, Napoli, Trento, Milano, Firenze, Cosenza, Roma... Per ora non risultano ulteriori arresti oltre quelli effettuati il 15 ottobre in Piazza, ma si attendono nuove notizie.

La testimonianza di Claudio da Cosenza:
salve a tutte e tutti,
stamattina all'alba i carabinieri sono venuti a casa mia e l'hanno perquisita. Sono andati via poco fa. La perquisizione ha dato esito negativo. A differenza del passato, sono stati molto educati. Immagino che siano andati pure a casa di altri compagni e compagne. Siccome al momento non sono chiare le dimensioni dell'operazione, sarebbe opportuno vedersi verso le 11 ai capannoni per fare il punto della situazione e (speriamo di no), qualora ci fossero dei provvedimenti coercitivi, convocare tutti i compagni avvocati disponibili. Un abbraccione a pugno chiuso
Claudio

Perquisizione questa mattina all'alba a casa mia a Diamante mentre io ero a Roma. in casa mio figlio e la sua compagna. I carabinieri irrompono senza aspettare l'avvocato sbattendo sulla porta con i pugni. Hanno buttato tutto all'aria smantellando tutto. Togliendo i quadri dal muro, aprendo i bauli e mettendo tutto fuori,smantellando le librerie e guardando i libri uno per uno, scaricando per terra gli armadi, aprendo tutti i cassetti, smontando le case acustiche, il ferro da stiro, il bagno, spostando tutte le piante sul terrazzo per non trovare niente di quanto cercavano, cioè armi ed esplosivo. Mio figlio e la compagna sono stati fatti spogliare nudi .Mio figlio nella sua stanza e la ragazza nel bagno e siccome non c'erano poliziotte hanno chiamato l'ambulanza della Misericordia dando l'incarico della perquisizione ad un infermiera volontaria. Dopo 2 ore e mezzo sono andati via. Bottino : una falce arrugginita, una pianta albero geneologico della mia famiglia che poteva sembrare ad una pianta di qualche città, due agende, 0,3 grammi di hascish e quattro grammi di maryuana ed una piantina alta circa 30 cm. Gli avvocati Adolfo Santoro e Natalia Branda sono prontamente arrivati ed assistito alla perquisizione sino alla fine.
Francesco Cirillo

Testimonianza da Palermo
Questa mattina all'alba agenti dei Ros e dei carabinieri hano perquisito le case di 4 compagni del Centro sociale " Vittorio Arrigoni" alla ricerca di armi ed esplosivi. Ovviamente le perquisizioni hanno avuto esito negativo.
A differenza di quanto annunciato dal sottosegretario all'interno Mantovano sono delle perquisizioni che colpiscono nel mucchio alcuni attivisti soltanto perchè militanti dei centri sociali che hanno partecipato alla manifestazione di Roma.
Un pericoloso precedente in questa città dove non si erano mai viste operazioni di questo tipo per manifestazioni politiche. Vogliamo denunciare questo atteggiamento intimidatorio che cerca di colpire nel mucchio e criminalizzare i centri sociali per i fatti del 15 ottobre.
I militanti in questione sono disoccupati,studenti e lavoratori giornalmente impegnati nelle lotte contro la crisi e per il miglioramento della qualità della vita nel quartiere Albergheria. Le persone perquisite non sono "alieni"dal movimento , ma sono tra coloro che hanno organizzato la partenza di 3 pullmann da Palermo a Roma.
Per rispondere collettivamente a questa grave provocazione verso il movimento indiciamo per oggi pomeriggio un'assemblea di Movimento alle ore 17.30 presso il Laboratorio " Vittorio Arrigoni".



da Brescia:
 Sono in corso nel bresciano le indagini per identificare le persone che sabato hanno partecipato agli scontri di Roma. I carabinieri del comando provinciale di Brescia, nelle score ore, hanno effettuato due perquisizioni in altrettante abitazioni. I militari hanno sequestrato volantini e altro materiale cartaceo definito "interessante", anche se non direttamente riconducibile ai disordini. Nelle prime ore della mattina, anche agenti della Questura di Brescia avevano effettuato una perquisizione che aveva consentito di acquisire materiale ora al vaglio degli investigatori.


Da Radio Onda Rossa:


Nessun commento:

Notizie Correlate