10 maggio 2011

Torino: Perquisizioni contro il Collettivo Comunista Piemontese

Ancora indagini e perquisizioni, a Torino, contro i militanti del Collettivo Comunista Piemontese. Stavolta, come spesso accade, la scusa sfiora il ridicolo: il decreto di perquisizione firmato dal Pm Enrico Arnaldi Di Balme, già responsabile della denuncia contro la studentessa accusata di aver lanciato il fumogeno a Bonanni, è stato emesso per la ricerca di materiale esplodente, secondo l'accusa utilizzato per scacciare il candidato a sindaco Coppola durante un volantinaggio in Piazza Madama Cristina. La perquisizione avrebbe portato al rinvenimento di un "pericoloso ordigno": null'altro che un fumogeno da stadio.

Qui di seguito il comunicato del Collettivo Comunista Piemontese:

Sabato 7 maggio alle 7,30 del mattino, otto sbirri inviati dalla Procura della Repubblica di Torino, irrompono nelle case dei compagni Valter e Paolone, militanti comunisti del Collettivo Comunista Piemontese, alla ricerca di materiale esplodente che ipotizzano fosse servito a terrorizzare il candidato sindaco Coppola e i suoi scagnozzi durante una loro iniziativa elettorale in piazza Madama Cristina a Torino.Gli sbirri della Procura hanno perquisito le due abitazioni e rinvenuto un “pericolosissimo ordigno”costituito da un fumogeno da stadio. L’ordigno è stato quindi sequestrato dai poliziotti operanti.
E’ la seconda volta nel giro di qualche mese che i politicanti fascisti, per mano di Magistrati come Enrico Arnaldi Di Balme, (già responsabile della persecuzione contro la compagna accusata di avere lanciato il fumogeno contro Bonanni della CISL), sguinzagliano i loro sbirri nel tentativo di intimidire i compagni che combattono i fascisti e che non abbassano la testa di fronte alla repressione e alle angherie della borghesia. Come sempre i compagni non intendono assolutamente abbassare la guardia di fronte alle intimidazioni e alla repressione ordinata da politicanti infami e attuata da Pubblici Ministeri compiacenti.
Ne il parafascista Coppola, ne il destro Fassino, ne tanto meno altri politicanti razzisti e speculatori, troveranno buona accoglienza nel quartiere di San Salvario, come negli altri quartieri in cui i comunisti e gli antifascisti vivono, lavorano e si organizzano!

Collettivo Comunista Piemontese

Nessun commento:

Notizie Correlate