16 dicembre 2010

Iniziati i processi a carico delle compagne/i arrestati a Roma

Sono iniziati alcuni dei processi per direttissima per le 24 persone tra compagni e compagne arrestate nella giornata del 14 dicembre. Le accuse principali sono quelle di resistenza aggravata e lesione a pubblico ufficiale. E' stato concesso ai familiari e ad alcuni amici degli imputati di poter assistere ai processi. Il tribunale di Roma ha deciso di processare in giornata tutti e 23 i fermati, probabilmente si andrà avanti per tutta la giornata mentre un sit-in si sta svolgendo proprio all'esterno del tribunale.

Gli unici infiltrati che sono stati visti martedì 14 a Roma sedevano in parlamento nei banchi dell'opposizione. I loro nomi sono noti a tutti, si tratta dei dipietristi Antonio Razzi e Domenico Scilipoti e poi dell'ex veltroniano, passato successivamente con Rutelli, Massimo Calearo. I tre provocatori, dando prova di una consumata arte della messa in scena, dopo aver disertato la prima chiamata al voto sono apparsi in aula solo al secondo appello per depositare nell'urna i voti decisivi contro la mozione di sfiducia a Silvio Berlusconi. Questa circostanza apparsa praticamente in mondovisione, tante erano le reti televisive internazionali che hanno seguito la giornata parlamentare, avrebbe dovuto indurre a maggiore prudenza quegli esponenti del Pd, ma non solo, anche Oliviero Diliberto del Pdci e portavoce della Federazione della sinistra, non è stato da meno, che hanno gridato per l'intera giornata alla presenza di infiltrati fuori da Montecitorio che avrebbero dato il via agli scontri nell'imponente corteo che ha assediato le casematte del potere politico. A questo punto, se un interrogativo avrebbe avuto piena legittimità di esistere, questo riguardava, in realtà, l'identità dei mandanti dei tre parlamentari. Chi li ha reclutati nelle liste dell'Italia dei valori e del Pd? Ecco che ancora una volta la legenda autoconsolatoria dell'infiltrato è servita alla sinistra parlamentare ed alla solita Repubblica per esorcizzare l'ennesima sconfitta ed esportare sui giovani della piazza la propria inconsistenza politica. Per la cronaca il misterioso personaggio con il piumone color crema che numerose sequenze fotografiche riproducevano in prima fila durante gli scontri, compreso l'episodio dell'aggressione ad un finanziere, era un ragazzo minorenne appartenente ad un gruppo di ultras della curva. Il manganello e le manette che aveva in mano in una foto erano trofei raccolti nel furgone abbandonato dalla Finanza poco prima. A parlar chiaro è anche la composizione sociale dei fermati, 45 in tutto nella serata di martedì, scesi a 23 dopo la riconsegna dei minorenni alle famiglie e il rilascio di quelli rastrellati a caso. In gran parte giovanissimi, molti nati nel 1992. Tutti incensurati. Nessun professionista della violenza, come hanno tuonato in coro esponenti della maggioranza di governo, il sindaco Alemanno e a ruota anche parlamentari dell'opposizione. Emblema, in realtà, di quella generazione precaria di cui tutti si riempiono la bocca senza mai volerne veramente comprendere i problemi, le rivendicazioni, la rabbia che esprimono. Che siano studenti o ragazzi cresciuti negli spalti degli stadi, la differenza nei comportamenti imprevedibili e gli slogan fuori dai codici classici delle culture della sinistra estrema, non cambia. Se dei paragoni storici possono essere richiamati, la giornata romana di martedì ricorda un po' i giovani con le magliette a strisce del luglio '60, quelli che poco dopo furono protagonisti anche della contestazione di piazza Statuto, a Torino, nel 1961. Qualcosa di nuovo si muove ma senza codici politici, senza nemmeno la memoria dei movimenti passati, figuriamoci degli anni 70, spettro che angoscia solo il mondo separato delle istituzioni. L'effetto calamita ha attratto questi giovani che hanno approfittato di un appuntamento come quello del voto di sfiducia al governo, ma la loro rabbia, la voglia di fargliela pagare va molto oltre le dinamiche parlamentari. Tutto ciò interroga la sinistra evidentemente a partire dal fatto che questi giovani sono politicamente orfani e quindi rischiano di esser soli di fronte alla macchina repressiva dello Stato. I 23 fermati compariranno stamani in tribunale a piazzale Clodio, dove si svolgeranno i riti per direttissima. L'imputazione contestata dai pm Pietro Saviotti e Silvia Santucci è quella di resistenza, aggravata dalle armi improprie e dal numero dei partecipanti, e l'oltraggio a pubblico ufficiale. Reati che prevedono un tetto di pena massimo che può raggiungere i 15 anni di reclusione. Ad alcuni fermati verrà contestato anche il reato di lesioni. Diversi fermati provengono da altre città, come Genova e Bologna.

Nessun commento:

Notizie Correlate