8 agosto 2010

Genova G8: Sentenza Diaz, il blitz fu ordinato da De Gennaro

Avevano l'obbligo d'impedire le violenze e non lo hanno fatto. Gli alti funzionari della polizia presenti durante l'irruzione nella scuola Diaz di Genova durante il G8 sono stati condannati dalla Corte d'Appello in base all'articolo 40 del codice penale. La norma è estremamente chiara in proposito, «Non impedire un evento, che si ha l'obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo». E' quanto emerge dalle motivazioni della sentenza di secondo grado per le violenze alla Diaz nel 2001, 310 pagine, depositate con largo anticipo dalla Corte d'Appello di Genova. La Corte spiega che Gratteri, Canterini e Luperi, inviati a Genova dal capo della polizia De Gennaro, erano i più alti funzionari presenti al momento dell'irruzione, quindi responsabili gerarchicamente dell'operato dei loro sottoposti. Hanno visto quello che accadeva e, poiché la loro superiore posizione gerarchica lo consentiva, avrebbero potuto impedire le violenze. Ma non lo fecero. Secondo la norma, una omissione che cagioni un evento che non si sarebbe dovuto verificare equivale a cagionare l'evento stesso, quando l'agente che per funzione ha l'obbligo giuridico d'impedirlo non interviene per farlo. Per questa ragione il 18 maggio scorso, ribaltando la sentenza di primo grado, vennero condannati ben 25 poliziotti, tra cui l'intero vertice della polizia di Stato. 4 anni di reclusione per l'allora capo dell'anticrimine Gratteri, oggi responsabile della polizia di prevenzione (ex Ucigos), 5 anni per l'ex comandante del primo reparto mobile di Roma Canterini, "riparato" in Romania con l'Interpol, 4 anni a Luperi attuale dirigente dell'intelligence interna, 3 anni e 8 mesi per Spartaco Mortola, vice del questore di Torino. «Preso atto del fallimentare esito della perquisizione - si legge nelle motivazioni - si sono attivamente adoperati per nascondere la vergognosa condotta dei poliziotti violenti concorrendo a predisporre una serie di false rappresentazioni della realtà a costo di arrestare e accusare ingiustamente i presenti nella scuola», come avvenne con le famose bottiglie molotov. Mentre in primo grado fu ritenuto unico responsabile Pietro Troiani, l'Appello ha stabilito che i filmati dell'episodio sono inequivocabili poiché indicano un conciliabolo tra alti dirigenti della polizia nel cortile con le bottiglie in mano. «Motivazioni che confermano la ricostruzione dei pm, sostenuta dal movimento e dalle vittime», secondo Vittorio Agnoletto, già portavoce del Gsf, e Lorenzo Guadagnucci, pestato alla Diaz che sottolineano nelle motivazioni come il blitz, sia nato «da un'esplicita richiesta del capo della polizia di riscattare l'immagine del corpo». Con una bella retata sanguinosa

1 commento:

Anonimo ha detto...

A poco meno di dieci giorni, sono davvero pochi i politici, i commentatori e gli opinionisti "di grido" che hanno fatto sentire la propria voce su questa vicenda. In particolare, risulta assordante il silenzio dei vari Cicchitto, Gasparri e Mantovano, che solo tre mesi fa, alla lettura della sentenza d’Appello, manifestavano la certezza che la Cassazione avrebbe rimediato in tempi brevi a quello “sconcio”. Lo fecero senza il minimo pudore, senza conoscere le carte processuali, senza avere seguito le dinamiche del dibattimento, in primo come in secondo grado, senza neppure attendere di capire l’iter logico seguito dalla Corte, divenuto pubblico solo il 31 luglio con il deposito delle motivazioni. E adesso cosa sosterranno? Che la sentenza è viziata da illogicità manifesta o da palesi vizi di forma? La verità è che, in tutti i protagonisti di questa dolorosa vicenda, vi è stata, sin da subito, la certezza della propria impunità; il “promuovificio” interno alla Polizia altro non è stato che l’effetto perverso di reciproche coperture, omertosi silenzi e velati “ricatti”; la presunta “discontinuità” tra il vecchio e nuovo Capo della Polizia (basta rileggere l’intervista rilasciata da Manganelli nell’estate 2007 al Secolo XIX) è stata solo una riedizione gattopardesca del “qui tutto cambia perché nulla cambi”… Neppure adesso, come quando si discuteva sull'opportunità di istituire una commissione parlamentare di inchiuesta, i vertici di PD ed IDV hanno saputo spendere una parola chiara e "di sinistra": complimenti! Vedrete che tra un pò i vari Feltri e Belpietro scateneranno una tempesta per demolire la figura del Presidente Sinagra. Magari scopriranno che anche lui indossa i calzini azzurri ed ha una casa a Montecarlo ..:-)

Notizie Correlate