6 luglio 2010

Brescia: guanti ai passeggeri che salgono sul bus dei migranti

E' un vero e proprio guanto di sfida quello che l'amministrazione comunale di Brescia ha deciso di lanciare sui mezzi pubblici cittadini. Un guanto - spiegano l'assessore ai Trasporti, Nicola Orto, e il presidente di Brescia trasporti, Andrea Gervasi - per proteggersi dal contatto diretto con i sostegni e i corrimano presenti negli autobus, sui quali salgono ogni giorno decine di migliaia di persone e tra queste, l'allusione è evidente, tanti stranieri e immigrati.
La parola d'ordine è dunque protezione, timore, paura da qualsiasi contatto con estranei, con l'altro, con l'umanità in genere, soprattutto se dolente. Più che da un'assessorato alla Mobilità (termine che dovrebbe rimare con mescolanza, contaminazione), l'iniziativa sembra venire dall'assessorato alla Paranoia. Nessuna ragione d'igiene pubblica giustifica una simile iniziativa. Non vi sono epidemie o pandemie da contatto in giro, c'è invece un virus ideologico di stampo razzista che cerca le vie più perfide per insinuarsi, camuffandosi anche sotto le giustificazioni più grottesche.
Se è pericoloso attaccarsi alle maniglie degli autobus, figuratevi quanto può esser contagioso manipolare il denaro che passa per mano (poche e sempre le stesse, a dire il vero). Se la logica è questa perché non premunirsi anche di fronte alla cartamoneta con un bel profilattico per dita da ritirare in banca? Pecunia non olet , il denaro non puzza e nemmeno contagia. Il contagio segue altre strade, è risaputo, sale sulla linea 3, l'autobus che dalla Badia taglia Brescia passando per quartieri ad alta densità popolare e arriva a Rezzato, comune dell'hinterland. Guarda caso uno dei mezzi pubblici più utilizzati dalla popolazione immigrata. Il rischio di contagio segue dunque le vie dell'odio sociale contro i più svantaggiati. Il progetto è ancora in fase sperimentale, per un mese accanto alla macchinetta obliteratrice ci sarà anche un contenitore metallico che dispensa gratuitamente i guanti. Se gli utenti mostreranno il loro gradimento verrà esteso sull'intera rete cittadina. Oltre ad offrire «maggiori opportunità in termini d'igiene», spiegano i promotori dell'iniziativa, l'uso del guanto rappresenta anche un innovativo mezzo di «comunicazione esterna dall'alto grado di scambio e condivisione di messaggi pubblicitari». Indossato come un preservativo amanuense, il guanto verrebbe utilizzato anche per dialogare direttamente con i cittadini e veicolare pubblicità per le aziende interessate. Sulla sua superficie ogni giorno appariranno le notizie e gli annunci più svariati.
L'obiettivo principale - scrivono gli ideatori del prodotto, denominato Ufo, ovvero alcuni docenti e studenti di Machina Lonati fashion, un istituto di design bresciano, insieme all'Accademia di Belle Arti di Santagiulia - «è quello di assicurare una diffusione omogenea e coerente dell'immagine aziendale, attraverso la divulgazione della propria attività, dei propri servizi, delle proprie policy, eventi culturali. Ciò al fine di rafforzare la credibilità dell'azienda stessa alla quale viene conferita maggiore trasparenza e visibilità». Su una cosa i designers hanno ragione, il guanto è «una nuova forma di comunicazione diretta al cittadino, in quanto da la possibilità di poterla portare appresso». Diffonde razzismo sublimale, banalizza i sentimenti più torvi dell'animo umano. Ma restino tranquille le anime belle, il profilattico palmare non inquina, «è ecologico, realizzato con materiale biodegradabile al 100% per il massimo rispetto dell'ambiente».
Davvero interessante questa nuova concezione dell'ecologia che considera scorie della natura la parte di umanità costretta a migrare. C'è chi sostiene che negli anni 80 il design è servito a dare forma plastica al vuoto pneumatico di pensiero causato dalla dalla fine delle ideologie. A Brescia il design fa un passo avanti, non da più senso al vuoto dandogli forma, rende invece sinuose ruvide ideologie irte d'odio. Si fa cosmesi del disprezzo.


Paolo Persichetti

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Penso che i guanti dovrebbero usarli gli immigrati (anzichè essere visti come “untori”) in quanto soggetti più a rischio:
"In Italia, nonostante la normativa vigente garantista agli stranieri l'assistenza sanitaria, la mancanza di informazioni chiare e il timore di un contatto con le strutture pubbliche rischiano di tradursi per gli immigrati in difficolta' a sottoporsi a misure preventive e ad accertamenti clinici finalizzati a diagnosi tempestive, adeguate e monitorate".
http://www.dire.it/HOME/sanit_fragile.php?c=31941&m=3&l=it

Anonimo ha detto...

in questo mondo tutto e' il contrario di tutto...le facce della medaglia sono sempre due...non capisco perche' tanta ipocrisia e voglia di trovare il marcio per forza...
Per favore evitiamo i falsi moralismi e una volta tanto sforziamoci di dare semplicemente lustro ad un progetto di comunicazione originale senza precedenti, che ha visto la felice collaborazione di giovani studenti e amministrazione...
Non apparteniamo del resto ad una societa' che guarda al futuro e che non fa altro che incentivare i giovani a reinventarsi a creare nuove prospettive lavorative mettendo a frutto quanto appreso in anni di studi e precariato...
Si tratta semplicemente di marketing neanche troppo "cammuffato" dietro ad un servizio aggiuntivo pensato per il bene di tutti...e non contro qualcuno.
Che dire...complimenti a tutti e buon lavoro!



P.S. UN ASSESSORATO SI SCRIVE SENZA APOSTROFO!!!

Notizie Correlate