3 aprile 2010

Ferrara: Pestaggio ripreso in un video, carabiniere indagato per lesioni a ragazzo di Rovigo.

La Procura ha aperto un'inchiesta su un carabiniere in servizio al Nucleo Radiomobile di Ferrara accusandolo di lesioni aggravate ad un ragazzo della provincia di Rovigo, colpito in caserma dopo essere stato arrestato per resistenza insieme ad altri amici. Ad accusare il militare è un video registrato dalle telecamere della caserma di via del Campo, sequestrato dal pm Barbara Cavallo che ha ordinato una perizia - come scrive "La Nuova Ferrara" - per "pulire" le immagini e valutare se vi possano essere altre responsabilità.
L'incarico è stato conferito nei giorni scorsi a Alessandro Faccini. Il consulente della procura dovrebbe depositare i propri risultati in 15 giorni, termine dopo il quale il pm - da quanto si apprende -potrebbe decidere di far eseguire nuove valutazioni medico legali sulle lesioni riportate.
Il fatto è accaduto il 24 febbraio dopo l'arresto per resistenza di un gruppo di ragazzi della provincia di Rovigo, in centro città, per cui è pendente in tribunale il processo per direttissima, ora "congelato" e fissato all'11 maggio in attesa degli sviluppi della nuova inchiesta. Sono dunque aperte due indagini, una sulle resistenze e lesioni causate dai ragazzi sui carabinieri. E l'altra aperta d'ufficio dalla procura per valutare eventuali eccessi da parte dei militari, dopo quegli arresti.
Nel video, secondo quanto riferisce uno dei legali, Barbara Simoni, si vedrebbe un carabiniere che con un manganello in mano prima carica il gesto e poi colpisce un ragazzo seduto e ammanettato. Quindi si vedono altri carabinieri, da identificare, in ginocchio su un altro ragazzo. Il primo carabiniere, ora indagato per quel colpo di manganello, è stato riconosciuto dallo stesso legale, perché lo aveva assistito, come parte civile, in altri episodi di arresti per resistenza. Dopo aver visto il video e riconosciuto il militare indicandolo, ha scelto di assistere i ragazzi.
Il legale del militare indagato, Alberto Bova, sottolinea che tutto è avvenuto dopo una sorta di guerriglia all'interno della caserma con i quattro ragazzi fuori controllo che hanno aggredito i carabinieri e hanno provocato danni, ferendo gravemente cinque militari. Il legale ammette di non aver visto il video, sotto sequestro, ma da quanto gli sarebbe stato riferito non vi sarebbero immagini contro i carabinieri. E tuttavia invita alla cautela e ad attendere l'esito delle indagini della procura.


fonte: il Gazzettino.it

Nessun commento:

Notizie Correlate