3 dicembre 2009

VERGOGNA:Il ministro della Giustizia Alfano continua l'opera di denigrazione di Stafano Cucchi e nasconde la verità

Per il ministro della Giustizia Angelino Alfano, Stefano Cucchi è caduto dalle scale. Per Carlo Giovanardi è morto di droga. Siccome era un tossicodipendente e spacciava, la sua vita non doveva valere nulla. Se l'era cercata. Per questi signori, Stefano Cucchi sarebbe morto di freddo. Anzi, come ha scritto Erri De Luca, «perché ostinatamente aveva smesso di respirare». Da allora la lista delle facce di bronzo non ha terminato di crescere. L'inchiesta interna condotta dall'amministrazione penitenziaria ha escluso l'esistenza di qualsiasi responsabilità della polizia penitenziaria nelle brutali percosse subite da Stefano Cucchi. E' quanto sottoscritto ieri, ultimo in ordine di tempo, dal capo del Dap, il magistrato Franco Ionta, la cui funzione è nobilitata dall'appellativo di Presidente. Su questo terribile episodio di violenza istituzionale, la macchina della controverità marcia a velocità folle. Appena pochi giorni prima un'altra commissione interna aveva assolto i medici del reparto penitenziario dell'ospedale dove, invece delle cure, al giovane era stata somministrata cinica indifferenza e sprezzante incuria. In compagnia solo del suo dolore e dell'umiliazione di un corpo bastonato, di membra lacerate, Stefano Cucchi è morto. Delle uniformi di Stato lo avevano arrestato quando era in perfette condizioni fisiche, delle uniformi di Stato lo hanno interrogato, delle uniformi di Stato lo hanno incarcerato, in tribunale un magistrato ha finto di non vedere, l'avvocato d'ufficio ha girato la testa, poi dei camici pubblici lo hanno abbandonato. Da settimane, le varie componenti istituzionali coinvolte in questa vicenda rispondono opponendo omertà d'apparato in difesa di una impunità di principio, di una visione completamente autoreferenziale della legalità e della morale. Ma come canta De André: «anche se vi credete assolti, siete per sempre coinvolti».

Nessun commento:

Notizie Correlate