12 dicembre 2009

Omicidio Bianzino: Richiesta di archiviazione, il gip rimanda la decisione.

Si è svolta ieri presso il tribunale di Perugia l'udienza sulla richiesta di archiviazione del fascicolo per omicidio a carico di ignoti avanzata dal pubblico ministero, Giuseppe Petrazzini, per la morte di Aldo Bianzino. Alla richiesta, la seconda dopo quella presentata nell'ottobre 2008 e respinta, si sono opposti i familiari di Bianzino. Il gip, Massimo Ricciarelli, fara conoscere la sua decisione nei prossimi giorni. Nel corso della seduta un centinaio di persone hanno manifestato all'esterno. Presenti il figlio di Bianzino, Rudra, 16 anni, e Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano Cucchi, il giovane morto nel reparto penitenziario dell'ospedale Pertini di Roma a seguito del pestaggio subito dopo l'arresto, insieme al «Comitato Verità e Giustizia per Aldo». Bianzino, persona mite e abile artigiano, venne arrestato il 12 ottobre del 2007 perché coltivava alcune piante di canapa indiana. Morì nel carcere di Perugia due giorni dopo. Inizialmente il decesso venne attribuito a un malore naturale. L'autopsia certificò invece l'assenza di patologie pregresse e lesioni agli organi interni, presenza di sangue nell'addome e nelle pelvi, lacerazione epatica, lesioni all'encefalo. Una seconda autopsia riscontrò anche un distacco del fegato e ipotizzò la morte per aneurisma cerebrale. Evento probabilmente scatenato da un violento pestaggio subito dopo l'arresto, in circostanze mai accertate. In carcere Bianzino venne abbandonato a se stesso. Per questa assenza di cure, l'agente di polizia penitenziaria in servizio la notte della sua morte è stato rinviato a giudizio, lo scorso 28 giugno, per omissione di soccorso e falsificazione dei registri. La morte di Bianzino e quella di Cucchi sono il calco perfetto della violenza impunita delle istituzioni. In entrambi i casi solo l'apparato-cenerentola, la penitenziaria, è rimasto impigliato negli ingranaggi della giustizia.

Nessun commento:

Notizie Correlate