21 dicembre 2009

Livorno: arrestato ultrà amaranto per i cori di domenica contro Berlusconi

Un tifoso di 33 anni è stato arrestato per gli episodi di ieri allo stadio Picchi di Livorno. Allo scadere del primo tempo erao stati lanciati due petardi e la partita era stata sospesa. La curva aveva inoltre intonato cori come: "Tartaglia uno di noi" e "Spinelli compraci Tartaglia", inneggiando a Massimo Tartaglia, autore dell'aggressione del presidente del Consiglio a Milano.
L'arresto è chiaramente una rappresaglia per dare un segnale a tutta Livorno, al suo spirito beffardo e ribelle e al fatto di essere la bestia nera per il centro destra. Mentre i fascisti di tutte le curve possono cantare cori indegni si prende come capo espiatorio un tifoso 33enne del Livorno. Maroni ha guidato la mano della questura labronica e il Tirreno (che guarda caso ha l'esclusiva della notizia) ha fatto da risonanza mediatica.
Ormai il regime, che ha fatto dello stadio il suo banco di prova, è completo, alla faccia di tutte quelle anime belle (poche ma rumorose) che domenica in tribuna inveivano contro la Nord. Un'altra dimostrazione di dove stiamo andando, un altra dimostrazione di come il Tirreno e il governo siano i veri portatori di odio politico, guidato ed indirizzato contro ogni critica o contestazione.


fonte: SenzaSoste

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Tartaglia non è uno di noi VIOLA e non voglio che silvio si dia fuoco. Sono ben cosciente che cadere nella violenza (la parola precede l'azione) è proprio lo sbaglio a cui ci vogliono portare.. Non diamo ragione al nostro caro silvio "dispensatore di amore". Le manifestazioni del NBD e del No Ponte sono state all'insegna della non violenza.. questo è il popolo viola che vuole Berlusconi fuori dal governo e dentro ai tribunali.. lui e i suoi..

sarò donna ma penso che la politica non si fa negli stadi..e non mi preoccuperei tanto per un ultrà quanto per chi la discriminazione la subisce davvero, per chi è morto per il proprio impegno contro le mafie, per chi alla faccia nostra nei palazzi di governo si aumenta lo stipendio tra una legge ad personam e una privatizzazione dell'acqua..

valentina
el pueblo unido jamas serà vencido

jacov_oi ha detto...

Certo perchè un ultrà non subisce alcuna discriminazione vero?
Tempo fà chi portava avanti la lotta alla repressione in curva diceva "Leggi speciali? oggi per gli ultrà domani per tutta la città!" ed, effettivamente, come avrai sentito Maroni ha proprosto il D.A.Spo. anche per i cortei in piazza!
Quanto allo stadio, la politica si fà tra la gente, e lo stadio è un luogo sociale in cui la politica può e deve entrare... se lo vogliamo lasciare alla destra perchè siamo troppo radical chic per mischiarci con quelle "belve di ultrà" il problema è l nostro... Per fortuna c'è chi la pensa diversamente... e resiste da anni!
vedremo quanto durerà il popolo VIOLA...

Notizie Correlate