25 novembre 2009

Venezia: La polizia carica presidio antirazzista

Una donna incinta, un bambino e un padre, il più alto misura un metro e venti. Una famiglia di carta pesta è stato il motivo dell'attacco della polizia di Venezia sui corpi di 50 manifestanti di "Venezia respinge il razzismo" che stamattina hanno preso parte ad una manifestazione autorizzata al Ponte dell'Accademia. E tutto era autorizzato fino a ieri sera alle sette. a quell'ora, infatti, chi aveva chiesto l'autorizzazione è stato riconvocato d'urgenza in questura per sentirsi dire che le cose erano cambiate, che il Ministro degli Interni, in modo perentorio, diretto e insindacabile, aveva vietato la parte acquea della manifestazione. Ok, niente barca, niente bacino, ma il presidio sì, con le concordate forme pacifiche e creative.
Questi gli accordi presi fino alla sera prima.
Ma stamattina all'Accademia la polizia era di altro avviso: "se tirate fuori i manichini dobbiamo intervenire" dice subito il dirigente Digos, mentre degli "inviati" romani, mandati direttamente dal Ministero, restano ai margini a controllare, a valutare anzi, la condotta dei loro colleghi della Questura di Venezia, visibilmente imbarazzati di fronte ad ordini così ingiustificabili: caricare una manifestazioni autorizzata perché a Maroni danno fastidio tre manichini di cartapesta e tutto quello che possono evocare e rappresentare.
I manifestanti, società civile di tutte le età, a volto completamente scoperto, signore e studenti, con le mani alzate, si ritrovano nella grottesca, incredibile situazione di dovere difendere coi loro corpi dei manichini di carta.
La polizia si avvicina, schiaccia i manifestanti dopo averli circondati da tutti i lati. Si cerca di impedire che le telecamere della Rai e i giornalisti locali possano filmare o fotografare i tre manichini. Tanto fastidio danno questi simboli di dissenso e solidarietà, di "pietas" e di denuncia.
La polizia si avvicina, hanno l'ordine chiaro di caricare. Alzano i manganelli, si mettono i caschi, schiacciano i corpi dei manifestanti con i loro scudi. parte qualche colpo, viene strappato il microfono a chi stava denunciando questo ingiustificabile attacco alla democrazia, alla libertà di pensiero e parola.
Ma la parte coraggiosa e civile di una Venezia che difende i suoi veri valori riesce a mostrare cosa significa veramente disobbedire a delle imposizioni ingiustificabili. Troppi giornalisti esterrefatti, troppa gente che si ferma in solidarietà vedendo quella violenza scagliarsi addosso a una manifestazione del genere.
La polizia deve allontanarsi, il microfono torna in mano a chi sta conducendo questa battaglia di civiltà. I manichini vengono salvati e fotografati. Solo uno, il papà, è stato "arrestato", forse per reato di immigrazione clandestina commesso da un cadavere di carta pesta.
Alla fine sono i manifestanti stessi a consegnare alla polizia i manichini: li volevate tanto? Noi adesso, decidiamo di consegnarveli. Questo è un bambino morto di fame, freddo e disidratazione il 10 agosto del 2009, su una barca, sotto gli occhi del Ministro che voi oggi avete difeso anche a costo di mettervi contro le più elementari norme di democrazia di questo paese alla deriva.
Venezia ha vinto, e il leone di San marco di una città liberata ha sventolato a lungo dal Ponte dell'Accademia. Quel che è accaduto, però, resta un precedente inaccettabile e pericoloso, che deve richiamare la coscienza di tutti. è in ballo davvero la nostra sicurezza, la sicurezza e la libertà di cittadini che vogliono vivere in una città solidale e democratica.

Maroni non venga più, da Roma, a imporre il suo razzismo e la sua repressione.

Venezia Respinge il Razzismo
fonte: Global Project

Nessun commento:

Notizie Correlate