27 settembre 2009

Bergamo: Ferito perché difendeva una ragazza. Ma è clandestino e viene denunciato.

Un ragazzo marocchino di 14 anni è stato ferito con una coltellata alla schiena, dopo una lite per i troppi complimenti rivolti da un giovane alla ragazzina italiana che passeggiava con lui. E' stato giudicato guaribile in pochi giorni, ma poi dovrà vedersela con la giustizia. I carabinieri lo hanno infatti denunciato in stato di libertà, perchè irregolare sul territorio italiano. L'aggressore, probabilmente un connazionale, è scappato.E' successo a Bergamo la notte scorsa, intorno all'una e mezza, in via Foro Boario, nei pressi di un bar. Il ragazzo marocchino stava passeggiando mano nella mano con una coetanea italiana, quando si è avvicinato un altro giovane, probabilmente già maggiorenne ed extracomunitario, che ha cominciato a rivolgere complimenti sempre più pesanti alla ragazzina. Il quattordicenne lo ha invitato ad andarsene, ma poi è scoppiata una lite. Il ragazzino e la sua compagna hanno cercato di andarsene, ma a quel punto il più grande ha tirato fuori un coltello e ha colpito il quattordicenne alla schiena.
“Le leggi incivili producono comportamenti incivili. E le leggi di questo governo, come quella sulla clandestinità, danno la stura al peggior razzismo" - ha affermato Paolo Ferrero segretario nazionale del Prc -. "C’è una relazione indiscutibile tra l’episodio di Bergamo, dove un giovane immigrato non solo viene accoltellato per essersi comportato bene in difesa di una giovane ragazza italiana, ma diventa doppiamente vittima in quanto accusato di essere irregolare, e l’impunità di cui invece godono squadracce di giovani razzisti che pensano di poter adottare comportamenti e violenze di ogni tipo. Quelle di questo governo sono leggi che alimentano l’inciviltà umana e giuridica, e questo caso lo dimostra in modo lampante"


Nessun commento:

Notizie Correlate