21 agosto 2009

Mobilitazione nelle carceri, fuochi e tumulti: «amnistia»

Per far sentire oltre le mura il respiro affannato di chi è rinchiuso, l'impasto di sudore e afa, le brande infuocate, l'aria densa e immobile che affoga gli spazzi stracolmi delle celle, i detenuti avevano deciso la protesta del rumore, una delle più classiche e antiche manifestazioni che danno voce al mondo dei rinchiusi. Una battitura ritmica delle inferiate realizzata con pentole, coperchi, bombolette del gas vuote, sgabelli e quant'altro si può percuotere contro le sbarre delle finestre o i blindati. Il tutto accompagnato da urla, fischi, slogan in favore dell'amnistia e dell'indulto. Presi dall'adrenalina altri, invece, hanno cominciato a dare fuoco a tutto quello che si poteva incendiare: giornali, lenzuola, stracci da mostrare alla città lontana. No, non c'era nessun piano, nessun complotto in una situazione dove spesso manca la stessa grammatica per organizzare una protesta. Solo disperazione, tanta rabbia che esplode e accende gli animi. Provate voi a stare accatastati in quel modo, in pochi metri quadrati anche solo per qualche giorno. 950 persone rinchiuse in una struttura che ha una capienza massima di 400. In quelle stanze non circola aria ma grisù. Basta un nulla che prende fuoco. Lo sanno gli agenti di custodia, e lo dicono ormai da diverso tempo. Lo sanno i direttori degli Istituti, lo sanno i dirigenti del Dap. Lo sa il ministro Alfano. Lo sanno tutti. E sanno anche qual'è l'unica soluzione. Ma fino ad oggi hanno deciso di fare finta di nulla accampando un piano carceri che, anche se solo riuscisse a decollare in parte dopo i tanti rinvii, non risolverebbe nulla se non gonfiare i portafogli di quegli imprenditori che avranno gli appalti. A Sollicciano lunedì sera la tensione è salita alle stelle. Le cronache raccontano l'attivazione di un immediato piano di sicurezza. La casa circondariale è stata subito circondata da gazzelle del nucleo radiomobile dei carabinieri e da agenti delle volanti. Altri rinforzi sono arrivati dal reparto mobile della polizia. Attorno al carcere è stato costituito un fitto cordone di sicurezza, neanche dovessero fare fronte a una guerra civile. Ma forse è un po' a questa idea che i governanti vogliono prepararci. Già ad ogni crocicchio e semaforo di strada si vedono mimetiche dell'esercito armate di tutto punto. Nell'immediato dopoguerra alcune rivolte esplose in diverse carceri sovraffollate come oggi vennero sedate a colpi di cannone. Ci fu un massacro. Stiamo attenti, dunque. Per fortuna l'altra sera la situazione si è placata nel giro di alcune ore, la polizia penitenziaria è entrata sezione dopo sezione per spegnere i focolai d'incendio. La protesta è di nuovo ripresa alle 10 e 30 del mattino successivo con una nuova battitura. Il garante per i detenuti Franco Corleone dopo un sopralluogo ha spiegato che le proteste nascono da una somma di carenze, diffuse un pò ovunque nei penitenziari della penisola, aggravate dall'affollamento: la riduzione dei colloqui con familiari e delle ore di passeggio causa ferie del personale di custodia, la mancanza di docce, l'impossibilità di avere visite mediche rapide, sommata alla mancanza di spazi, l'impossibilità di lavorare o svolgere attività, la sordità delle magistrature di sorveglianza che negano i benefici penitenziari. Non stupisce allora se anche a Como, una delle strutture penitenziarie più degradate d'Italia, la protesta è durata tre giorni. Dalla battitura iniziale e lo sciopero della fame intrapreso da alcuni, si è passati nei giorni successivi all'esplosione delle bombolette di gas in dotazione per i fornellini da cucina fino alla rottura dei neon delle celle col tentativo di provocare cortocircuiti, almeno secondo quanto riferito da un esponente della Uil penitenziaria. Angelo Urso, in una nota ha ricordato come nel carcere di Como «in questi anni non sono mai stati realizzati interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Pertanto la fatiscenza e l'insalubrità dei locali non può che aggravare la condizioni detentive». Qualcosa di simile era già accaduto nella prigione di Lucca nei primi giorni di agosto. Anche lì, una protesta dimostrativa si era trasformata in un piccolo tumulto con il lancio di bombolette e focolai d'incendio nelle sezioni. Insomma si assiste ad una fisiologica tendenza all'inasprimento delle forme di lotta conseguenza dell'esasperazione suscitata dalle condizioni d'invivibilità. Nonostante questi ripetuti segnali e i continui appelli lanciati da tutti gli operatori del settore, dal cielo della politica non vengono risposte. Il governo è in vacanza, come i vertici del Dap e del ministero. Intervistato dal Gr della Rai, Ionta ha ribadito le virtù del suo piano straordinario d'edilizia carceraria, senza però indicare date precise sulla sua presentazione. Un'incertezza dietro la quale si nasconde l'assenza di copertura finanziaria e una sostanziale mancanza di credibilità. L'opposizione dovrebbe mobilitarsi con una grande iniziativa politica per impedire che nelle carceri avvengano tragedie. È ora di riaprire la vertenza sull'amnistia.

Paolo Persichetti- Liberazione

1 commento:

nicblog ha detto...

Il problema carcerario italiano dovrebbe rientrare nelle
priorità delle attività governative , in realtà così non
è . Ogni anno le varie commissioni parlamentari hanno
rilevato il disagio dei detenuti presentandolo ex novo :
si ignora la datazione dello stesso e gli interventi per
risolverlo . Il Ministro Guardasigilli ritiene ora che
la competenza spetta alla UE , in quanto la maggioranza
della popolazione carceraria è costituita da extracomuni
tari . La Commissione Europea disattende ( forse a ragione )le richieste del Ministro : per principio la Convenzione
Europea non può interferire negli affari interni degli
Stati contraenti . Non ricordo che simili proposte siano
state fatte dalla Germania , dall'Inghilterra , dalla
Francia ecc. , che pure hanno i nostri stessi problemi
di sovraffollamento carcerario . Domando a Sua Eccellenza Presidente del Consiglio se tale richiesta
contribuisca a migliorare l ' immagine dell' " italietta" nel mondo da Ella costantemente paventata
ad incentivo dell'implementazione politica liberista .

Notizie Correlate