26 luglio 2009

A Massa le ronde si chiamano SSS.... ma arrestano i compagni

Tensione e scontri la scorsa notte a Massa, dove un gruppo di giovani di estrema sinistra si è scontrato prima con alcuni esponenti di destra e poi con le forze dell'ordine. Tutto è accaduto nella serata di ieri, alla Partaccia, una località vicina a Marina di Massa popolata di camping. A generare il tafferuglio il faccia a faccia tra una cosidetta "ronda proletaria antifascista" (promossa dall' Associazione solidarietà proletaria e dalla Federazione toscana del partito dei Comitati di appoggio alla Resistenza per il comunismo, in risposta alle ronde organizzate dalla destra locale) e alcuni simpatizzanti di destra della zona. Dalle prime ricostruzioni la miccia si sarebbe accesa quando tra il gruppo dei Carc e il proprietario di un chiosco sono volate parole grosse. Provocazioni, saluti romani, l'inno d'Italia a tutto volume e alcune sedie che volano. Poco dopo, mentre i manifestanti di sinistra stavano tornando verso la loro festa, alcuni ragazzi in motorino li avrebbero provocati facendo il saluto romano. A questo punto sono scoppiati gli scontri più gravi, tra i giovani e le forze dell'ordine intervenute per sedare i tafferugli. Il bilancio finale parla di 5 poliziotti feri e due estremisti di sinistra, Samuele Bertoneri e Alessandro Della Malva, segretario regionale dei Carc, accusati di oltraggio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Altri due erano manifestanti stati fermati, ma sono stati rilasciati. Per protestare contro i fermi, questa mattina esponenti dell'Asp e dei Carc hanno bloccato la stazione ferroviaria di Massa. L'occupazione si è protratta per oltre un'ora e mezzo, provocando ritardi e disagi. E sempre in mattinata, davanti alla Questura, si sono radunati alcuni esponenti dei Carc per chiedere informazioni sui due fermati: "Il nostro segretario regionale è sparito dalla scorsa notte, chiediamo spiegazioni". Pare infatti che Della Malva sia rimasto feriti negli scontri. Per adesso dalla Questura nessuna comunicazione ufficiale.


fonte: La Repubblica

7 commenti:

Anonimo ha detto...

l'unica soluzione e farli tornare nelle fogne da dove sono usciti!!!!!!!!!!!

penelope84 ha detto...

Mi domando perché i giovani del movimento sprecano le loro energie in tafferugli del genere, che nn fanno altro che dare un'immagine distorta dell'appartenere a una fazione politica o forse il problema è proprio l immaturità dei partiti italiani, che invece di scoraggiare tali eventi li trascrivono e descrivono tali che delle azioni di poveri martiri perseguitati da tutto e da tutti, forse nn pensano che in questa maniera tutto quello che fanno è infondere ancora rabbia nei cuori della gioventu e purtroppo, la rabbia, non ha mai portato buoni frutti...per finire, personalmente nn credo che la miglior soluzione alla creazione di ronde fasciste sia la creazione di altre ronde...cerchiamo di evolvere per favore per i giovani di oggi e di domani.

Anonimo ha detto...

Il tragico è che se non ci fossero stati i compagni dei CARC nessuno avrebbe notato le ronde SSS... non lasciamoli soli! Francesco Andreini - Siena

Anonimo ha detto...

Concordo a pieno con Penelope! veramente poco altro da dire e pensare che c è gente che ha combattuto contro queste cose credendo nella pruralità di pensiero e nella libertà di espessione: cosa che adesso in italia sta, sempre di piu, venendo a mancare, a mio parere!

Zeno

Anonimo ha detto...

le ronde saranno state anche "fasciste"..... ma il casino l'hanno fatto i "rossi", sono loro che hanno iniziato i tafferugli con la polizia, sono loro che hanno bloccato la ferrovia, sono loro che hanno seminato il caos..... Chi sono i veri fascisti???

Marco B. ha detto...

E' la prova che queste ronde creano disturbo alla Polizia anzichè darle una mano. Gli agenti devono infatti sprecare tempo a tenere a bada questi faziosi e non possono adoperarsi per perseguire il crimine (che in ogni caso non è in primo luogo il barbone che ruba la pagnotta,accidenti!)

Anonimo ha detto...

Ed i CARC sarebbero dei compagni?...ma per favore, le aziende licenziano, i dirigenti decidono sempre e comunque nel bene e nel male,i giovani si sono squagliati, chi si batteva per i diritti è invecchiato, ed invece di sostenere e programmare proposte per il mondo del lavoro, che si fa?
Si da la caccia alle ronde...ma al futuro dei nostri figli non ci si pensa?...Basta con l'utilizzo di slogan obsoleti,..può anche darsi che nemmeno sappiano che tu esisti .
franck

Notizie Correlate