19 giugno 2009

Bologna: Sciopero della fame al carcere della Dozza

Da mercoledì 17 giugno l'ottanta per cento dei detenuti di tutte le sezioni giudiziare sono in sciopero della fame pe protestare contro le condizioni di vita all'interno del carcere bolognese.

Uno sciopero della fame che continuerà per 7 giorni e a cui hanno già aderito l'ottanta per cento dei detenuti delle sezioni giudiziare del carcere bolognese della Dozza. Una situazione esplosiva e che fa pensare all'allargamento della protesta in altri settori della casa circondariale bolognese.
I detenuti denunciano le pensanti condizioni di vita, dovute al sovraffolamento: 1156 detenuti, contro il 700 posti di capienza massima con tre persone in celle da una. servizi inesistenti, con detenuti con posizione giuridica definitiva da diversi anni che non hanno mai interloquito con il proprio educatore e serivizi sanitari inesistenti. E ancora la questione della vivibilità: il problemi causati dal montaggio delle grate alle finestre e i cambi di lenzuola che vengono effettuati solo ogni 40 giorni. Con questo sciopero della fame di detenuti auspicano "un doveroso intervento delle persone e delle autorità sensibilizzate".
fonte: GlobalProject

Nessun commento:

Notizie Correlate