15 gennaio 2009

Parma: Caso Bonsu, arrestati 4 vigili

I dieci vigili indagati dalla procura di Parma per il presunto pestaggio ad Emmanuel Bonsu sono stati tutti sospesi dal sindaco Pietro Vignali in via cautelativa. Quattro vigili urbani( Mirko Cremonini, Ferdinando Villani, Marcekllo Frattini e Pasquale Fratantuono) sono stati arrestati e posti ai domiciliari. La decisione di sospenderli è giunta in tarda serata. I provvedimenti di custodia cautelare sono stati adottati dal Gip Pietro Rogato su richiesta del sostituto Roberta Licci, che coordina l'inchiesta della Procura. Il sindaco di Parma, Pietro Vignali, appena saputo degli arresti ha ''dato mandato agli uffici di provvedere alla sospensione immediata'' dal corpo di tutti gli agenti coinvolti nell'inchiesta. Anche la magistratura ha chiesto ulteriori provvedimenti cautelari nei confronti degli altri sei agenti indagati: il Gip dovrà decidere se sospenderli dai pubblici uffici. Gli interrogatori sono stati fissati per venerdì. L'arresto sarebbe avvenuto verso le ore 20. Come noto tutti i vigili indagati pur essendo pubblici ufficiali si sono sempre, in questi mesi, avvalsi della facoltà di non rispondere al magistrato. Ma le indagini giorno dopo giorno hanno fatto emergere particolari inquietanti: oltre all'arresto illegittimo al parco ex-Eridania ci sarebbe stato un crescendo di atrocità nella caserma comando della municipale. Dagli insulti "scimmia" alle false accuse e prove per farlo confessare, fino alla foto ricordo scattata con un vigile che esibiva il ragazzo come trofeo: immagine ritrovata sul computer del comando dai Ris dopo che era stato effettuata la cancellazione da uno dei vigili. Notte durissima per il Comune di Parma. L'amministrazione ha preso la decisione di sospendere i vigili per motivi cautelativi. Secondo le prime ricostruzioni la procura di Parma avrebbe scelto per la formula cautelativa, e dunque gli arresti domiciliari, perchè c'è un reale pericolo di inquinamento delle prove o addirittura di fuga. Proprio in questi giorni ci si aspettava, da parte della magistratura, la chiusura delle indagini preliminari e l'eventuale rinvio a giudizio.

Nessun commento:

Notizie Correlate