29 gennaio 2009

Firenze: Minaccie e intimidazioni su video inchiesta sull'estrema destra.

Abbiamo appreso in questi giorni delle minacce e delle azioni intimidatorie ai danni di Saverio Tommasi e Ornella De Zordo, rispettivamente attore e consigliere comunale di Firenze per il gruppo “Un’altra città”, in seguito alla diffusione su YouTube della loro video inchiesta di denuncia “Razzisteria: destra fascista in Italia e nella ‘rossa’ Toscana” (http://it.youtube.com/watch?v=NNLkCPvoRn8). Nel video, girato nelle scorse settimane, viene rappresentata una Toscana inedita, con slogan fascisti, svastiche, ingiurie xenofobe e omofobe e cimeli, come il cappellino “Boia chi molla” o spille che richiamano ladoppia esse nazista. Nel circondario fiorentino e senese, territori di competenza del nostro Comitato Provinciale Arcigay, si susseguono feste e manifestazioni de “La Destra”, di “Azione Giovani” e di “Forza Nuova” in cui siinneggia alla purezza, alla caccia agli immigrati e agli‘zingari’, all’annientamento delle persone omosessuali. Nelle scorse notti, l'ingresso della Cabina Teatraledi Saverio Tommasi è stato sigillato da ignoti. Attraverso YouTube sonopoi arrivate agli autori del video inquietanti minacce: “Telo do io un bel video, ma sullefunzioni che ha il CTO” (il Centro Traumatologico Ortopedicodi Firenze) o “Perché non vieni con la tua telecamerina di merda dame”. Da tempo, Arcigay va ripetendo che occorre che la politica, a partire dalle sueistituzioni locali, si assuma la responsabilità delle sueazioni sciogliendo i gruppi neofascisti e neonazisti presenti in Italia, in linea con i principi sanciti dalla nostra Costituzione. Non solo manifestiamo la piena solidarietà agli amici Saverio e Ornella, ma sottolineiamola piena condivisione da parte nostra della loro denuncia. Arcigay Firenze “Il Giglio Rosa”, secondo il suo attocostitutivo, si identifica infatti nella storia della Resistenza e dell’antifascismo europeo, per la formazionedi una società laica e democratica e in cui i dirittifondamentali di ogni cittadino siano riconosciuti. Questo dilagare inquietante di ideologie razziste, omofobe e di chiarissima impronta nazi-fascistanel territorio fiorentino, senese e toscano produce estrema insicurezza anche per noi omosessuali, che ci sentiamo ugualmente colpiti dalla brutalità e assurdità degli episodi intimidatori nei confronti di Saverio e Ornella.Sollecitiamo pertanto le istituzioni toscane, e dunque l’Amministrazione Regionale, a prendere immediatamente unaposizione di stigmatizzazione in merito a quanto avvenuto, nonché a farsi portavoce presso il Governo della chiara volontà di rendere illegittimi gruppi che tramandano ideologie contrarie al quieto vivere e alla democrazia.


Nessun commento:

Notizie Correlate