7 dicembre 2008

Violente repressioni poliziesche in Grecia e a Berlino. Ad Atene ucciso un ragazzo di 15 anni

Intorno alle ore 20:00 di ieri un giovane di 15 anni è stato ucciso con un colpo di pistola al torace sparato dai reparti speciali della polizia durante alcuni scontri nel quartiere Exarchia ad Atene. L'omicidio si è verificato alla fine di una manifestazione studentesca al centro di Atene, durante la quale studenti di sinistra hanno dimostrato contro il provvedimento del governo che riconosce i titoli di studio rilasciati da collegi privati che operano in Grecia con sede all'estero, come titoli equivalenti alle lauree rilasciate dalle università statali.
Da notizie certe pare che gli ageti abbiano sparato verso ai manifestati tre colpi di pistola ad altezza uomo uno dei quali ha colpito un ragazzo uccidendolo. Dopo che la notizia della sua morte si è diffusa, la situazione è precipitata in tutto il pese e la rivolta si è estesa nella seconda città della Grecia, Salonicco, nonché al Nord a Ioannina, Komotin e sull'isola di Creta. Al momento risultano occupate alcune università tra cui il Politecnico di Atene dove la polizia ha sparato candelotti lacrimogeni contro centinaia di giovani che hanno risposto con alcune pietre e per oggi la sinistra ha convocato una manifestazione di protesta davanti alla direzione della polizia al centro di Atene.
Il ministro dell'interno Prokopis Pavlopulos si è pubblicamente scusato per quello che ha definito «un tragico incidente» dicendosi «profondamente rammaricato a nome del governo» per la morte del giovane. Pavlopoulos e il sottosegretario con la delega alla polizia hanno presentato le dimissioni, respinte però dal primo ministro Costas Karamanlis. I due agenti che hanno sparato al 15enne sono stati interrogati e arrestati, oltre che sospesi dall'incarico insieme al loro superiore.
ultime informazioni dalla Grecia
Report , video e links su:
http://www.insutv.it/blog/



BERLINO - Scontri a Berlino fra attivisti di sinistra e polizia con il fermo di 40 persone. Gli agenti dovevano garantire lo svolgimento di una manifestazione neo-nazista cui hanno aderito circa 600 persone che hanno sfilato nelle strade del quartiere di Lichtenberg, nella zona est di Berlino.

Nessun commento:

Notizie Correlate