15 dicembre 2008

Pisa: attentato incendiario alla sede di Rifondazione Comunista

Dopo che nelle scorse settimane, il Laboratorio delle Disobbedienze Rebeldìa e lo Spazio Antagonista Newroz hanno subito attacchi intimidatori rivendicati da soggetti di chiara ispirazione fascista, questa notte è stato incendiato in modo chiaramente doloso il portone di accesso alla nostra federazione di Via Battichiodi. Ci colpiscono non solo fisicamente, ma anche simbolicamente nel giorno dello sciopero generale indetto da CGIL e sindacati di base, a cui il nostro partito ha aderito con convinzione e per la cui riuscita si è attivato con determinazione. Per questo, quanto accaduto stanotte è tanto più grave. Nel momento in cui i lavoratori e gli studenti scendono in piazza, e contrastano le gravissime politiche di attacco ai diritti sociali e del lavoro portate avanti dal governo Berlusconi, questi gruppi di stampo fascista cercano di intimidire e avvelenare il clima, rispondendo in modo violento ed eversivo alla partecipazione pacifica, democratica e di massa espressa in queste settimane. In questo contesto riteniamo che la politica, anche locale, dovrebbe urgentemente affrontare la crescente gravità di questi episodi, contrastando i tentativi eversivi e fascisti di ogni ordine e tipo, e riaprendo gli spazi democratici di confronto, politica attiva e partecipazione. Rifondazione Comunista non si lascia intimorire e invita a proseguire le mobilitazioni e la stagione di lotta, tenendo alta la solidarietà e la vigilanza contro ogni provocazione .

Segreteria Provinciale PRC

Nessun commento:

Notizie Correlate