6 novembre 2008

Livorno, cartello a scuola: "Più scuola meno armi". Interviene la polizia

E' chiaro che il clima è cambiato anche nella città di Livorno. Ieri, mentre veniva celebrata la " ricorrenza" del 4 novembre, una classe al secondo piano del liceo classico esponeva un cartello con su scritto “più scuola e meno armi”.Mentre la polizia lascia scorrazzare fascisti in tutto il paese non intervenendo e spesso coprendoli, a Livorno è successa una cosa gravissima: la solerte DIGOS alza il telefono per intimare alla preside di levare quel cartello appeso a pochi passi dalla commemorazione. La preside obbedisce all'ordine ( era il 4 novembre e l'obbedienza è una virtù -sic!!- ) e fa togliere il cartello. Nello stesso istante "sparisce" anche la bandiera della pace che evidentemente turbava i presenti che si sono dimostrati per quel che sono.
E' chiaro che da oggi anche a Livorno non sarà più tollerato nessun tipo di dissenso, anche se pacifico. Risulta chiaro quale atteggiamento prenderà la polizia da qui in avanti nei confronti degli studenti. Piazza Navona è stato un assaggio, le denunce che stanno partendo in tutto il paese la conferma del clima che stanno creando ad arte, il grave fatto del 4 novembre a Livorno è l'inizio di intimidazioni poliziesche non solo contro chi protesa contro la riforma della scuola ma contro tutti quelli che dissentono.... Il tutto con le istituzioni scolastiche prone acriticamaente a interventi della polizia nella "libera" scuola pubblica, e con le istituzioni locali mute, se non accondicendenti, a tali azioni repressive e intimidatorie salvo poi fare le sfilate di rito nelle proteste per cercare consensi tra gli studenti e nelle loro famiglie... Anche questo giochino, caro al sindaco, ormai è vecchio e gli studenti l'hanno capito bene non accettando nessuna strumentalizzazione.
Da sottolineare a maegine che la sera prima per protestare contro una celebrazione macabra di "potenza nazionale" da ignoti erano state colorate con scritte e simboli di pace tutti gli stendardi con l'italica bandiera che adornavano via Magenta.

Nessun commento:

Notizie Correlate