21 settembre 2008

Viareggio: Manuela Clerici di An tenta di rimuovere la lapide in ricordo dell'eccidio di Sant'Anna di Stazzema

Un dipendente del Centro Congressi accusa la presidente del Versilia Congressi Manuela Clerici (An) di aver tentato di rimuover dall'atrio del Principe di Piemonte la lapide(nella foto) che ricorda l'eccidio. Tre rondelle che servono a bloccare ai ganci la lapide dedicata alle vittime di Sant'Anna di Stazzema posta nell'atrio del centro congressi Principe di Piemonte sono stati rimossi. La lapide era stata posta il 9 agosto del 2001 per commemorare i martiri dell'eccidio del 12 agosto del 1944, quando persero la vita 560 persone trucidate dai nazisti.Secondo un dipendente della Viareggio Versilia Congressi, Roberto Mencarini, l'ordine di togliere la lapide e' partito dalla presidente della Viareggio Versilia Congressi Spa, Manuela Clerici, in quota ad Alleanza Nazionale. Che vista la riluttanza del personale a procedere con la rimozione avrebbe cercato personalmente di togliere la lapide, senza pero riuscirsi.La presidente, contattata dai cronisti, ha dichiarato che la lapide si trova ancora nell'atrio e li rimarra' ed ha evitato di rispondere a quanto affermato dal dipendente in questione. Da parte sua il sindaco di Viareggio Luca Lunardini ha ribadito che e' intenzione del comune lasciare per sempre la lapide dove si trova. 'Alla mia richiesta di chiarimenti - detto ancora il sindaco - la presidente mi ha risposto che tutta la vicenda e' nata da un equivoco'.


La dichiarazione di Marco BonuccelliCapogruppo PRC/SE, Provincia di Lucca

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Cioè ma chi se ne frega di una lapide. Per me la possono spaccare in testa a quei terroristi di sinistra come Caprili e i tre scemi che lo seguono. Non mi cambierà la vita una targa in più o in meno.
Preoccupiamoci piuttosto di migliorare la nostra città, che ha bisogno di interventi imemdiati, altro che stupidi litigi.

alberta ha detto...

Una come questa lisa non e' nemmeno degna di bciarla quella lapide.
560 persone morte per dare una Italia libera anche a emeriti idioti come lei, purtroppo.
E vorrebbe migliorare la citta'? prima si dia da fare per migliorare se stessa, se e' ancora in tempo...

Anonimo ha detto...

Mantenere viva la memoria e il rispetto per essa!

http://www.vittimeinnocenti.altervista.org/

Notizie Correlate