24 settembre 2008

Rom pestati dai carabinieri a Bussolengo:condannata Sonia Campos

Prima maltrattati dai carabinieri, ora in carcere. Continua l'odissea per la famiglia di rom che ha denunciato di aver subito abusi a Bussolengo, nel veronese, il 5 settembre scorso. Si è svolta ieri in tribunale a Verona l'udienza del processo ai coniugi Sonia e Angelo Campos e un loro parente, Denis Rossetto, arrestati dai carabinieri al termine di un intero pomeriggio di pestaggi in caserma con l'accusa di aggressione e resistenza a pubblico ufficiale. Sei mesi di reclusione per la donna, che con la condizionale è stata rilasciata. Restano invece in carcere Angelo e Denis: il loro processo è stato rinviato al 30 settembre, il pm ha respinto la richiesta di patteggiamento dei difensori. Il 5 settembre i coniugi Campos, in roulotte con i figli, insieme ad un'altra famiglia rom, si erano fermati per una sosta pranzo in un parcheggio di Bussolengo. Sul posto era già presente la roulotte di Rossetto. Controllati dai vigili urbani, avevano risposto che se ne sarebbero andati subito dopo pranzo, in quanto diretti a far visita ad alcuni parenti vicino Brescia. Ma dopo i vigili, sono arrivati i carabinieri che hanno subito manifestato l'intenzione di portarli in caserma. Secondo quanto denunciano gli stessi rom in un esposto alla magistratura, in caserma si sarebbero perpetrati abusi, anche sui figli minori. «Se non avessero denunciato i carabinieri di Bussolengo sarebbero adesso in libertà?», si domanda in una nota il Prc .

Nessun commento:

Notizie Correlate