14 settembre 2008

Carcere Killer: 4 morti in pochi giorni

«È morto per cause naturali e in carcere ha avuto tutte le cure di cui aveva bisogno». Non sa trovare altre parole la direttrice del carcere di Forlì, Alba Casella, per spiegare la morte di Franco Paglioni, deceduto in circostanze drammatiche lo scorso 25 agosto , trovato riverso sul pavimento della cella tra le sue feci dopo aver inutilmente denunciato forti dolori. L'Istituzione come di consueto si è chiusa a riccio e respinge ogni accusa. Nega che nella vicenda vi siano responsabilità o ombre. L'incuria, l'indifferenza, il cinismo, non c'entrano. «Questo è quello che dicono i detenuti...», risponde la funzionaria, preoccupata soprattutto della propria carriera e di tutelare il buon nome dell'amministrazione. Il cappellano del carcere, don Dario Ciani, scrive che le condizioni di salute del detenuto erano note, tanto che in passato aveva sempre ottenuto misure alternative a causa della sua incompatibilità con la detenzione. Questa volta non è accaduto o non si è fatto in tempo. «Ogni carcere, compreso quello di Forlì, non può essere utilizzato come discarica», spiega il prete. Della vicenda è stata informata l'autorità giudiziaria che ha subito sotterrato il caso senza nemmeno accertare le cause esatte della morte. Tanto Paglioni aveva il destino segnato da una sieropositività conclamata. Evidentemente la vita di chi è affetto da questa sindrome vale meno delle altre. L'altro ieri si è tenuto anche un presidio sotto le mura della casa circondariale per denunciare l'episodio, mentre i Radicali annunciano una interpellanza parlamentare. Paglioni era stato collocato in isolamento nell'unica cella disponibile del reparto protetti. Uno come lui andava assegnato in una comunità. Quantomeno necessitava di un ricovero in infermeria. Ma il sovraffollamento attuale impedisce una gestione razionale della popolazione incarcerata.La fabbrica della punizione sforna più detenuti di quanto l'industria penitenziaria sia in grado di contenere. Ciò alimenta lo stillicidio di morti: altri tre negli ultimi giorni. Un paraplegico trovato incredibilmente "impiccato" nel carcere di Opera. È il secondo caso del genere che si registra in questo istituto. Un detenuto marocchino deceduto per inalazione di gas a Bad'e Carros (Nuoro) e poi, martedì scorso, la morte nell'ospedale di Velletri di Stefano Brunetti, 41 anni. Arrestato l'8 settembre per un tentativo di furto, il giorno successivo era stato ricoverato a causa delle pesanti percosse subite, non si sa ancora se durante la permanenza nella questura di Anzio oppure dopo l'ingresso in carcere. La magistratura ha disposto l'autopsia per conoscere se le cause del decesso sono di origine violenta o meno. La notizia è stata diffusa dal garante dei detenuti del Lazio e dall'associazione Antigone. Episodi che attirano l'attenzione sulle pratiche sempre più violente che ormai dilagano senza freni negli apparati di polizia.

Nessun commento:

Notizie Correlate