14 agosto 2008

Il detenuto Alì, lasciato morire di fame

Alì Juguri era un cittadino iracheno, arrestato in Italia per il tentato furto - pare - di un telefonino. Detenuto da molti mesi aveva iniziato uno sciopero della fame durissimo. Carcere di Vasto, carcere dell'Aquila, poi in ospedale. Si dichiarava innocente. Il tribunale, in primo grado, lo aveva giudicato colpevole e lo aveva condannato a un anno e qualche mese. Non sappiamo perché Alì non avesse ottenuto la condizionale e la scarcerazione. Non sappiamo come fosse stata impostata la sua difesa.La storia di Alì Juguri è una storia semplice e come tutte le cose veramente semplici è importante. È una storia di carcere, di pena certa - come si dice oggi - di sistema giudiziario. E poi, soprattutto, come avete capito, è una storia di morte. Perché Alì è morto, due giorni fa, nell'ospedale de L'Aquila. Da tre mesi era ricoverato lì perché aveva deciso di non mangiare più dal momento che non trovava nessun altro modo per proclamare la sua innocenza, per protestare contro le istituzioni e cercare giustizia. Noi non sappiamo quasi niente della vita di questo iracheno di 42 anni. Sappiamo che è entrato in carcere a Milano una decina di mesi fa, che non ha avuto una buona tutela giudiziaria perché gli avvocati che lo hanno "assistito" non hanno provato nemmeno ad ottenere per lui la condizionale, e perché dopo la condanna di primo grado è stato "frullato" via come tanti suoi simili, stranieri, dal carcere milanese, per sovraffollamento, e mandato a Vasto. Da Vasto a l'Aquila. C'è qualcosa, nella sua storia, che - come una lente di ingrandimento - ci permette di osservare questo sistema giudiziario elefantiaco, obeso, burocratico. E' un sistema giudiziario che deve rispondere a tre «potenze», a tre «caste»: i giudici, la politica e l'opinione pubblica. Tre «caste» in lotta perenne tra loro e in grado di condizionarsi, danneggiarsi, aiutarsi. Il «patto» tra queste tre potenze è sempre in bilico, e tiene sempre in bilico gli equilibri della politica italiana. Ma sempre trova un suo equilibrio. Basato su che cosa? Sulla necessità dei giudici di mantenere il proprio potere, sulla necessità dei politici di proteggere se stessi e le classi dominanti, sulla necessità dell'opinione pubblica di ottenere promesse di giustizia, di punizione dei colpevoli o presunti, di vendetta.La chiave che permette questo equilibrio è quella del garantismo temperato. In che modo? Impastandolo con il giustizialismo, sulla base di una netta distinzione di classe: garantismo discreto per i ceti più solidi, per i politici, per gli stessi giudici, per chi è in grado di pagare; severità e sospensione dei diritti per i più deboli. Specie per quelle fasce di popolazione universalmente riconosciute come «estranee»: per esempio gli stranieri, o i piccoli delinquenti, i tossicodipendenti, le prostitute. Questo «patto» per la giustizia è quello che ha sempre impedito la riforma della giustizia. Ha permesso, con aggiustamenti successivi, di non toccare nessun privilegio e di scaricare sulla parte più debole della società il prezzo. Alì ha pagato questo prezzo. Alì, che probabilmente era innocente - e certamente lo era fino al pronunciamento della Cassazione - ma è che è morto, non sappiamo per la responsabilità di chi, senza poter ottenere giustizia. E senza suscitare grande scandalo, visto che ieri era quasi impossibile trovare notizie su di lui: il mondo dell'informazione non è affatto interessato, e nel mondo politico gli unici a muoversi, al solito, sono stati i radicali (interrogazione Bernardini-Turco: grazie). Oggi non si grida allo scandalo per uno che muore da detenuto. Si grida allo scandalo per l'indulto, perché ogni tanto c'è qualche disgraziato che torna sulla via del delitto (anche se le cifre ci dicono che statisticamente chi ha goduto dell'indulto torna a delinquere in misura tre volte inferiore rispetto a chi esce dopo aver scontato tutta la pena). Ma il vero scandalo dell'indulto è che non è servito a molto. Le carceri sono di nuovo piene, e sono piene di persone - moltissimi stranieri - accusate di reati per i quali la carcerazione potrebbe non essere necessaria. Lo scandalo è che l'indulto avrebbe dovuto essere un piccolo passo, e poi ci sarebbe dovuta essere l'amnistia e poi la riforma. E invece la finta guerra tra politica e magistratura rende impossibile tutto questo. Finché noi non riusciremo a indicare in questo patto tra i due "poteri" il colpevole per la mancata giustizia, continueremo ad essere vittime di un antipolitica che è il cemento dell'alleanza ipocrita e gaglioffa tra i poteri, e del loro dominio incontrastato.

Piero Sansonetti

Nessun commento:

Notizie Correlate